Milleproroghe, Casa Dritta e una via intitolata a Bettino Craxi: le interrogazioni in consiglio comunale

Dopo il minuto di silenzio che il Consiglio Comunale, su invito del presidente Alessio Mattesini, ha dedicato alla memoria di Giuseppe Bassi, il dipendente del Comune di Arezzo recentemente scomparso, la prima interrogazione è stata presentata dal...

consiglio comunale18

Dopo il minuto di silenzio che il Consiglio Comunale, su invito del presidente Alessio Mattesini, ha dedicato alla memoria di Giuseppe Bassi, il dipendente del Comune di Arezzo recentemente scomparso, la prima interrogazione è stata presentata dal consigliere comunale Donato Caporali che ha ricordato come ancora manchi una intitolazione di strada o giardino a Bettino Craxi: “che tempi sono previsti per una scelta toponomastica del genere”?

Il sindaco Alessandro Ghinelli ha risposto come “questa richiesta venga da lontano, da un atto di indirizzo approvato durante la prima amministrazione Fanfani. Alla prossima commissione toponomastica perverremo a un'indicazione univoca in modo che entro la fine dell'anno possa seguire la relativa delibera di Giunta”.

Matteo Bracciali ha fatto seguito alla conferenza stampa del gruppo consiliare del partito democratico e ha sottoposto al sindaco la “questione del destino dei fondi derivanti dal bando per la riqualificazione delle periferie urbane. Fondi per opere strategiche che tutta la città aspetta. Un emendamento del Senato ha tolto efficacia alle convenzioni che erano state firmate tra Governo e amministrazioni locali. La scelta del governo Lega-Movimento 5 Stelle è pura miopia. Il sindaco, comprendendo la natura strategica di queste risorse, deve sostenere la scelta di Anci Toscana e Anci nazionale per mantenerle nella disponibilità degli enti locali. Attivandosi con i deputati eletti nei collegi aretini affinché il mille-proroghe sia modificato alla Camera. La questione politica è poi quella del voto dell'assessore Tiziana Nisini in Senato, favorevole all'emendamento che ha rimesso in discussione i fondi per Arezzo. Altro che valore aggiunto per l'amministrazione. L'incompatibilità politica di Tiziana Nisini tra il ruolo di senatore e ruolo di assessore è evidente. Le sue deleghe dovrebbero essere ritirate, come atto di coerenza”.

Anche Angelo Rossi ha presentato un'interrogazione sul tema: “sta arrivando un meteorite sul piano triennale delle opere pubbliche che finirà azzerato completamente. È una cosa di gravità assoluta. Si priva Arezzo di opere fondamentali e chi ci nega questa possibilità si prende una responsabilità politica grave dinanzi al territorio. Questo emendamento lo ha votato anche il partito democratico in Senato. L'11 settembre il passaggio alla Camera sarà fondamentale per cui chiedo al sindaco che relazioni in Consiglio Comunale sulle conseguenze del decreto mille-proroghe. In previsione di quella data quali sono le misure che il sindaco intende prendere per tutelare gli interessi di Arezzo”.

Il sindaco Alessandro Ghinelli: “le azioni che mi vengono chieste sono già in atto, salvo una. Innanzitutto un'azione di moral suasion sui parlamentari del territorio e a seguire ogni azione utile a recuperare le risorse. Non c'è dubbio che quando ho firmato la convenzione nello scorso anno con il Segretario generale alla Presidenza del Consiglio credevo di avere acquisito un diritto di spesa per quei 17 milioni di euro. Contando sulla erogazione delle risorse, l'amministrazione ha subito cominciato a fare progetti, impegnare personale e anticipare fondi di bilancio per arrivare alle scadenze della convenzione preparati e in grado di ottemperare a ogni sua previsione. Dunque, come vicepresidente di Anci regionale, ho sottoscritto la petizione da rivolgere ai deputati perché in seconda lettura alla Camera possano essere cambiati i termini dell'emendamento approvato al Senato. Ma ho fatto di più: ho cercato di capire se ci sono effetti civili derivanti dalla firma della convezione e quali atti conseguenziali sia possibile espletare, in sostanza come chiedere eventualmente al Segretario generale della Presidenza del Consiglio i 17 milioni di euro. Quel funzionario dello Stato dovrà rispondere civilmente del perché ha sottoscritto la convenzione. A queste risorse il Comune di Arezzo ha diritto. Non ritirerò le deleghe all'assessore Nisini per due motivi: primo perché non ho motivo di lamentarmi del lavoro che svolge, poi il suo voto non è stato certamente decisivo per tale determinazione, visto che è stato adottato all'unanimità. Non credo si debba affrontare la questione con un ritiro di deleghe, anche perché il caso aretino è particolare: l'amministrazione ha infatti lavorato virtuosamente da subito, prima che i finanziamenti pervenissero, abbiamo preso sul serio le scadenze. E i primi di settembre ottenuto un incontro per fare capire a Roma queste nostre ragioni”.

L'assessore Tiziana Nisini: “vorrei fare un po' di chiarezza sulla questione. Il governo Renzi-Gentiloni ha promesso soldi che non poteva spendere. A dirlo è una sentenza della Corte Costituzionale, la 74 del 2018, che dichiara la incostituzionalità dei fondi per la seconda parte dei Comuni finanziati, tra cui Arezzo. Quindi, i primi sono stati finanziati regolarmente, quelli del secondo giro, no. Si stanno valutando quei Comuni che hanno situazioni particolari, con lavori già avviati, tra cui Arezzo. È stata un'operazione spot del Pd prima delle elezioni. Che questa strada fosse l'unica percorribile è confermata dal fatto che tutte le forze politiche presenti in Senato hanno votato all'unanimità, compreso il Pd perché era consapevole che questi fondi non erano disponibili. L'efficacia delle convenzioni concluse è differita nel 2020, ferma restando la dotazione complessiva loro assegnata. Il Governo ha liberato risorse dando ossigeno agli enti locali che ora possono utilizzare l'avanzo di bilancio”.

Barbara Bennati ha lanciato l'allarme sicurezza per la situazione del piazzale di accesso alla Casa Diritta. “Gli utenti e dipendenti comunali lamentano incuria e trascuratezza”.

Ancora Barbara Bennati ha chiesto di adottare atti più incisivi contro l'apertura delle sale slot. “In base alla normativa vigente l'ufficio che dovrebbe controllare le distanze minime è il Suap mentre nell'ultimo caso è intervenuto l'ufficio edilizia che non ha poi misurato concretamente le distanze ma si è basato su quanto effettuato da uno studio privato. Chiediamo il riesame dell'autorizzazione concessa. Questa Giunta è disponibile a modificare il regolamento dei patrocini per escluderli per eventi che si svolgono nelle pertinenze di sale giochi con premi in denaro? Chiediamo se il Suap ha preso visione della recente circolare del ministero dell'Interno in materia di misurazione delle distanze minime per capire se le sue previsioni si possano applicare al caso in specie”.

“Alla polizia locale – ha replicato l'assessore Lucia Tanti – è già stato dato mandato di misurare le distanze delle sale dai luoghi sensibili per ben due volte. Dunque, abbiamo già espletato una doppia verifica, possiamo mandare gli agenti una terza volta, magari con i consiglieri comunali del Pd. L'indirizzo politico della Giunta è seguire le indicazioni della legge regionale che troviamo positiva e abbiamo un regolamento di polizia urbana che interpreta questa legge in maniera restrittiva”.

“Il Comune di Arezzo – ha aggiunto l'assessore Marcello Comanducci – ha infatti incrementato le previsioni della legge regionale, ad esempio impedendo l'apertura di una ulteriore sala slot se collocata a una certa distanza da una sala già in funzione, per cui è veramente difficile aprirne di altre. Nel caso di specie è complicato però farla chiudere in quanto tutti i controlli hanno mostrato regolarità”.

Alessandro Caneschi ha ricordato come “nella brochure della mostra di Gustavo Aceves sono indicate le location e tra queste piazza Vasari dove non ci sono invece opere dell'artista. La fruizione della mostra per i disabili è difficile specie in Fortezza. Quando verrà collocata l'opera in piazza Vasari? Quali sono le intenzione per rendere le esposizioni accessibili”?

E ancora Alessandro Caneschi ha ricordato “che nell'ultimo Consiglio Comunale il vicesindaco Gamurrini per i giardini Porcinai ha annunciato un nuovo progetto da sottoporre alla Soprintendenza. La mia curiosità verso questo progetto è per ora rimasta delusa. Esiste o no? E se sì, cosa prevede?"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morì in vacanza giù dal balcone, Vanneschi e Albertoni condannati a 6 anni. Il padre: "Giustizia fatta"

  • Eventi

    Dal 2019 il presepe vivente delle Ville di Monterchi ad Arezzo. Trattativa-lampo per un altro allestimento da subito

  • Attualità

    Ponte Buriano, riapertura in anticipo. Chiassai: "Ma resta vietato ai mezzi pesanti. Ora un ponte alternativo"

  • WeekEnd

    Patti Smith a Cortona, laboratori per bambini e la Città del Natale: Arezzo pronta per il nuovo weekend

I più letti della settimana

  • Taglio del nastro ad Arezzo per il negozio di Alessandro Del Piero

  • Schianto sulla regionale 69 vicino Indicatore: grave un 33enne ferito al volto

  • "Così i soldi sporchi diventavano oro", quattro aretini arrestati per riciclaggio. Blitz a Castiglion Fibocchi

  • Trattamento laser mininvasivo. Il neurochirurgo aretino DiMeco e una nuova terapia contro il tumore

  • Ambulanza trasporta intossicata e fa un incidente. Finiscono all'ospedale in 4, compresi i soccorritori

  • "Ho investito 15mila euro in un allevamento di Arezzo, poi il nulla". Il racconto a Striscia la Notizia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento