Il M5S Arezzo: "Presidi di polizia ad ogni angolo della città e a costo zero. Ecco come"

"Il 2020 si apre con un dejà-vu, vale a dire l’apertura di un bando con cui il Comune di Arezzo ricerca un immobile da destinare a presidio della polizia locale". Attacca così la nota del Movimento 5 Stelle Arezzo

"Il 2020 si apre con un dejà-vu, vale a dire l’apertura di un bando con cui il Comune di Arezzo ricerca un immobile da destinare a presidio della polizia locale". Attacca così la nota del Movimento 5 Stelle Arezzo

La Giunta Comunale aveva già approvato la pubblicazione di un bando per la ricerca di un immobile da destinare a presidio della polizia locale con l’atto n. 288 del 15 luglio 2019. Tra le principali caratteristiche ricordiamo che tale immobile doveva affacciarsi esclusivamente su Piazza Guido Monaco e avere una metratura tra i 15 e 50 metri quadrati.

Per questo bando arrivarono quattro proposte ma nessuna di queste aveva i requisiti richiesti, pertanto con il provvedimento n. 2470 del 23/09/2019 il bando non fu aggiudicato a nessuno.

In data 9 gennaio 2020, con un semplice copia/incolla, l’amministrazione comunale ha riproposto lo stesso tipo di bando con gli stessi dati (per la precisione si parla di una metratura superiore a 15 metri quadrati ma senza prevedere un massimo) e francamente non riusciamo a comprendere, come per il primo bando, il motivo di tanta ostinazione.

L’idea di aprire un presidio della polizia municipale in città ci sembra corretta.

Quello che invece non ci trova assolutamente d’accordo è la modalità.

Il Movimento 5 Stelle ha inserito nel proprio programma 2020-2025 (che a breve sarà disponibile a tutti i cittadini) un punto molto importante per la sicurezza: la collocazione di presidi della Polizia Municipale in alcune zone della città, il tutto a costo zero. Com’è possibile? E’ molto semplice: andremo a sfruttare immobili di proprietà comunale, ad oggi inutilizzati o peggio abbandonati.

A nostro parere questa scelta non avrebbe reso necessario neppure lo spostamento della sede della polizia municipale e di conseguenza di non spendere più di 4 milioni di euro che avrebbero potuto essere dirottati su altri lavori.

Ad esempio il Movimento 5 Stelle porterebbe un presidio della polizia municipale a Campo di Marte utilizzando il chiosco di proprietà comunale che possiede tutti i requisiti richiesti dal bando. Inoltre qui ci sarebbero anche gli spazi per parcheggiare alcuni mezzi della polizia locale che a Guido Monaco non sono presenti. La zona compresa tra Saione, Campo di Marte, Colle del Pionta trarrebbe giovamento dalla presenza delle forze dell’ordine e con tale scelta il Comune mostrerebbe vicinanza ai problemi dei cittadini. E’ proprio per dimostrare tale vicinanza che il Movimento 5 Stelle ha deciso di collocare proprio in questa zona la sua sede. Invitiamo gli aretini a venirci a trovare in viale Cittadini numero 7.

Siamo consapevoli e fiduciosi che questo bando possa venire revocato ma, qualora non lo fosse, confidiamo nel personale preposto della polizia municipale. Spetterà infatti anche a loro esprimere la valutazione per quanto attiene le specifiche esigenze funzionali e logistiche dell'immobile stesso, mediante apposito sopralluogo di verifica dell'immobile offerto, così come scritto nel bando.

Non è nostra intenzione fare polemica con i dipendenti comunali che sono chiamati semplicemente a svolgere ogni giorno il proprio compito ma, visto l’avvicinarsi delle elezioni comunali di Arezzo, vogliamo lanciare un forte richiamo ai cittadini affinché ci si interroghi sui motivi che inducono a fare determinate scelte e capire chi realmente vuole impegnarsi per cercare soluzioni ai problemi di tutte le zone della città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Buoni postali fruttiferi, risparmiatore ottiene 9mila euro in più di interessi. Il caso spiegato dall'avvocato Bufalini

  • Trovato morto sotto la doccia

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Fa il pieno ma non riesce a pagare con la carta. Dice al benzinaio: "Stai sereno", poi scappa

  • Resta chiuso l'America Graffiti. Lavoratori in ansia

  • Da Arezzo al Grande Fratello: Jacopo Poponcini nella casa più spiata d’Italia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento