Opa di Intesa su Ubi: "Ancora un terremoto bancario? Per Arezzo non c'è tregua"

La dichiarazione di Francesco Macrì, esponente di Fratelli d'Italia e presidente di Estra

Francesco Macrì, esponente di Fratelli d'Italia

Francesco Macrì, esponente di spicco di Fratelli d'Italia e presidente di Estra, prende posizione in merito alle possibili conseguenze dell'offerta pubblica di acquisto che Banca Intesa ha lanciato su Ubi, puntando l'attenzione sul fatto che Arezzo, da poco tempo, ha già subito un terremoto bancario con il crack e la scomparsa di Banca Etruria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La finanza funziona, l'economia no. Intesa San Paolo ha avviato un'operazione destinata a trasformare sensibilmente il sistema bancario italiano e quindi anche l'economia del nostro paese e della nostra provincia. Abbiamo registrato l'offerta, da 4,9 miliardi di euro di Intesa San Paolo su Ubi Banca. Un'offerta pubblica di scambio volontario sul totale delle azioni che è stata qualificata come non ostile ma che non era stata nemmeno concordata. Un'offerta che, comunque, risponde ad una logica della concentrazione del sistema bancario e che potrebbe privare la nostra realtà territoriale di un punto di riferimento preciso e vicino con il quale, dopo le note vicende bancarie, il sistema economico locale tentava di ricostruire nuovi e positivi rapporti di collaborazione. In attesa di conoscere i dettagli dell'operazione e la valutazione ufficiale di Ubi Banca, non posso che valutare con estrema preoccupazione i riflessi negativi che questa operazione potrebbe avere sull'economia locale e sull'occupazione. Il gigantismo mal si addice al nostro modello economico. Arezzo ha perduto la storica banca del territorio, ha poi lavorato per riaprire un serio dialogo con Ubi e adesso si rischia il “punto e accapo.” Il tentativo in atto è quello di mettere insieme la prima e la quarta banca italiana: è evidente che i temi dello sviluppo del territorio, delle piccole e medie imprese, dell'artigianato, della tutela dell'occupazione, diverranno marginali nel futuro gigante internazionale del credito
Il sistema politico, istituzionale ed economico dovrà necessariamente chiedere il rispetto rigoroso delle intese territoriali faticosamente costruite. Per Arezzo non c’è tregua,combattere è un destino.

Intesa lancia l'Opa per acquisire Ubi. Faltoni: "In terra di Etruria siamo vigili, rischio sovrapposizione di filiali"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento