Francesco Maria Grasso risponde a Chiassai: “Attacchi senza motivo”

Grasso: “Poi vediamo l’intervento sulle scuole. La Sindaca quando era a Siena non ha avuto notizie dei grandi investimenti avvenuti nelle nostre scuole negli ultimi 10 anni che qualunque cittadino di Montevarchi conosce avendo visto cantieri in tutte le scuole della nostra città.”

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   20 settembre 2016 11:24  |  Pubblicato in Politica, Valdarno

Articoli correlati



Con una missiva, il consigliere comunale, ex sindaco Francesco Maria Grasso risponde alla prima cittadina Silvia Chiassai che proprio nella giornata di ieri aveva chiamato in causa le passate amministrazioni, in particolare sul rischio sismico nelle scuole.

Mi ero ripromesso di non intervenire fino a dopo il mese di ottobre, al fine di poter permettere alla nuova Amministrazione di centro – destra di passare almeno i primi tre mesi di lavoro per la nostra città.
Ma negli ultimi tempi , sempre più spesso, fra una uscita mondana ed un’altra festicciola, la Sindaca di Montevarchi si avventura in giudizi ed affermazioni che denotano poca conoscenza degli argomenti e mancata preparazione sugli avvenimenti amministrativi del comune, almeno degli ultimi almeno 10 anni.
Certo, per una persona che viveva a Siena e solo incidentalmente si è ritrovata a concorrere alla carica di Sindaco, vincendo e diventando Sindaco con solo il 34% dei voti (causa le numerose vicende del centro-sinistra montevarchino), non è cosa da poco riuscire a comprendere ogni passaggio della vita amministrativa. Però la Sindaca, ultimamente vi mette qualcosa del suo, perché non so se mal consigliata, si lascia andare ad interventi arroganti e provocatori senza conoscere i fatti. Ultimo esempio quello apparso sui giornali on-line questa mattina.
Assistiamo ad attacchi ripetuti e senza motivo sulle Amministrazioni che hanno governato la nostra città, come se solo Silvia Chiassai sia riuscita a trasformare Montevarchi mentre prima vi era il nulla.
Vorrei ricordare alla mia cara amica Silvia, che anche quando Lei pensava ad altre cose e si interessava delle “contrade”di Siena invece che ai rioni di Montevarchi, questa città ha raggiunto livelli di civiltà del lavoro, servizi, infrastrutture ed interventi amministrativi nel suo territorio ed in valdarno, tali da portare la nostra terra a livelli di importanza politica ed economica di primo piano nel panorama regionale.
Vedremo cosa realizzeranno questi tuttaunaltrastoria, per ora vediamo molte feste e tanta rendita per le cose fatte precedentemente e anche nelle feste abbiamo notato fotocopie di tutti i programmi ed i lavori precedentemente attuati.
Pertanto si invita la Sindaca ed i rappresentanti del centro – destra a stare sereni ed essere molto più tranquilli e modesti, poichè anche quest’ultima è una virtù.
Nel merito la Sindaca arriva a fare una polemica su una semplice richiesta di alcuni componenti della opposizione facente capo alla lista del partito democratico in consiglio comunale: difatti, essendo venuti a conoscenza che la regione pubblicherà un bando su ulteriori finanziamenti per l’adeguamento sismico, alcuni consiglieri chiedevano solo quali politiche e quali progetti la giunta stava realizzando per partecipare al bando. Tutto qui.
La Sindaca , in modo incomprensibile, si lancia in affermazioni senza fondamento, sugli edifici scolastici, sulla piscina e sui lavori nella frazione di Ricasoli e soprattutto affermando cose senza senso alcuno.
Viene detto che la piscina mancherebbe dell’accatastamento catastale. Non so se corrisponde al vero! Capirete che mancanza. Dia stasera incarico al proprio geometra dell’ufficio tecnico e faccia questi disegnini per l’accatastamento. Ma si ricordi che mentre Lei andava alla piscina di Siena qualcuno è riuscito a ristrutturare completamente la nostra piscina ed ad assegnare la funzione in concessione per 20 anni stabilizzando il servizio a favore dei nostri concittadini. Su Ricasoli negli ultimi 5 anni siamo riusciti ad avere finanziamenti per euro 1.350.000,00 e poi di 700.000,00 che l’attuale amministrazione di centro destra si ritrova in dote. Tali richieste di finanziamento si chiedono con i progetti preliminari e/o definitivi e solo a finanziamento concesso si procede a redigere l’esecutivo e appaltare i lavori. Almeno in Valdarno abbiamo sempre fatto così. Pertanto approvi il progetto esecutivo, che doveva approvare entro il 9/9/2016 ed ancora non è stato fatto ed approvato, e vada in gara di appalto. Meno annunci e più fatti.
Poi vediamo l’intervento sulle scuole. La Sindaca quando era a Siena non ha avuto notizie dei grandi investimenti avvenuti nelle nostre scuole negli ultimi 10 anni che qualunque cittadino di Montevarchi conosce avendo visto cantieri in tutte le scuole della nostra città. Ricordo per la storia la scuola del giglio, del PEEP, di levane, di mercatale, del pestello, di piazza Cesare battisti e cioè tutti i plessi di Montevarchi ( del caso se la prima cittadina ancora non riesce ad orientarsi mi posso pregiare di accompagnarla in ogni luogo della nostra città)!
Ricordo che un paio di anni fa, dopo l’ultimo terremoto della italia centrale, che abbiamo sentito anche a Montevarchi, sono stati controllati seduta stante tutti gli edifici e non fu rintracciato nessun danno. Naturalmente questo non vuol dire che tutto è stato fatto, ma occorre ancora investire e migliorare ulteriormente tutte le nostre strutture scolastiche ed implementare gli adeguamenti sismici con i fondi statali e regionali ad oggi presenti. Pertanto cara Sindaca, le feste sono finite, si concentri, faccia i progetti e richieda ulteriori finanziamenti e lavori pubblici oltre quelli ad oggi in essere. Senza fare polemiche e con meno arroganza.
Allora vivrà di luce Sua e non di luce riflessa “campando” di rendita come ha fatto fino ad ora. Allora vedremo se sarà tuttaunaltrastoria oppure poca cosa e solo parole. Io mi auguro che Lei faccia bene e possa migliorare Montevarchi con investimenti e lavoro ed il mio consiglio e la mia collaborazione saranno presenti. Buona strada!
Ad Maiora
Francesco Maria Grasso

blog comments powered by Disqus