Esenzione Tari per alcune famiglie della Badiola. Pierazzi (M5S) replica al Pd

Il Movimento 5 Stelle risponde al Partito Democratico di San Giovanni Valdarno sulla esenzione della Tari per alcune famiglie della Badiola. “In primo luogo - precisa il capogruppo Tommaso Pierazzi - vogliamo ricordare che l’esenzione approvata...

tommaso pierazzi 5 stelle san giovanni valdarno

Il Movimento 5 Stelle risponde al Partito Democratico di San Giovanni Valdarno sulla esenzione della Tari per alcune famiglie della Badiola.

“In primo luogo - precisa il capogruppo Tommaso Pierazzi - vogliamo ricordare che l’esenzione approvata in consiglio comunale riguarda poche migliaia di euro e pochissime famiglie e guarda caso questo avviene solo nell’ultimo anno di mandato. In secondo luogo sminuire il mio intervento alludendo alla mia “giovane età” e quindi accusarmi di non conoscere le battaglie degli abitanti della Badiola, la troviamo rappresentativa del PD attuale, sempre attento a non entrare nel merito delle discussioni ma a svincolarsi dai confronti. Noi crediamo che poche migliaia di euro per poche famiglie sia qualcosa, ma obiettivamente molto poco. Non possiamo dimenticarci delle centinaia di famiglia che subiscono il solito disagio 500 metri più a est della Badiola.

Siamo pronti ad un confronto serio sulla percentuale di esenzione da applicare ma non possiamo far finta che ci siano zone di serie A e zone di serie B su un problema così grave. In consiglio comunale abbiamo ricordato che tutta la zona vicina a Viale Gramsci ogni anno subisce a livello odorigeno, e non solo, la presenza della discarica di Podere Rota. Per noi potrebbe essere determinante applicare le sanzioni a Sei Toscana ogni volta che non rispetti i livelli di servizio (passaggi di pulizia e raccolta rifiuti) per recuperare la somma da destinare alle esenzioni o riduzioni della tariffa e allegarla al maggior numero di famiglie sangiovannesi. Argomento ben caro al Movimento 5 Stelle visto che proprio il PD compatto, a novembre, bocciò la nostra proposta che prevedeva la riduzione della Tari per i commercianti che avessero applicato il “vuoto a rendere”.

Mi sono sempre impegnato sul tema “rifiuti” da quando seguo la vita politica sangiovannese e vorrei far notare che da quando se ne occupa il Movimento 5 stelle sono accadute molte cose. Siamo stati i primi a mettere in discussione il contratto con Sei Toscana precedendo il suo commissariamento (prima mai nessuno si era azzardato a toccare questo argomento), in secondo luogo siamo gli unici ad aver presentato in regione una mozione che chiedesse la chiusura di Podere Rota, mozione ovviamente bocciata dalla Giunta regionale PD/Rossi. Ringrazio per la “giovane età” che considero un complimento, ma seppur giovane mi sembra di avere ben chiara la situazione di San Giovanni Valdarno”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Io sto con Walter". Pioggia di adesioni, dopo Sofri arriva la solidarietà di Scanzi: "Tieni duro"

  • Schianto fra auto, sette feriti: bimbo di 4 anni gravissimo. Altri due bambini coinvolti

  • Schianto lungo la regionale 71: strada temporaneamente chiusa. Due feriti

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Scontro tra un furgone e una motocicletta: terribile schianto in via Aretina

  • Guida 2020 de L'Espresso: due ristoranti della provincia di Arezzo con il "cappello". Tutti i top della Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento