Ricci: “Richiedenti asilo e fallimento del sistema di accoglienza e integrazione”

L'intervento del candidato sindaco con la lista Impegno Comune per Castel Focognano

"Vorrei ricordare che due anni fa il nostro gruppo ha manifestato non pochi dubbi sulla presenza dei richiedenti asilo nel territorio comunale di Castel Focognano, infatti, già a partire dal 2016, ci siamo fortemente impegnati per limitare e vigilare sul sistema di accoglienza messa in atto dall'attuale amministrazione".

E' all'indomani del maxi-blitz al Pionta che, Lorenzo Remo Ricci candidato alla poltrona di sindaco per il comune di Castel Focognano, interviene per esprimere la propria posizione in merito alla vicenda.
Tra gli arresta infatti, vi sono anche alcuni cittadini stranieri accolti nelle strutture di Rassina. 

"Il comune di Castel Focognano aveva aderito volontariamente allo Sprar, ovvero a progetti di accoglienza diffusa, ed ospitato nel nostro territorio fino a 51 richiedenti asilo - spiega Ricci - Ci facemmo promotori allora, di un’assemblea pubblica per discutere la questione e permettere all'intera comunità di essere informata su quanto stava succedendo per essere parte attiva e consapevole circa le conseguenze, in termini di sicurezza e di impatto con la popolazione locale, che queste scelte avrebbero comportato. 

A questa assemblea, fortemente caldeggiata da tutta la cittadinanza, fu invitato anche il nostro primo cittadino, o qualche suo rappresentante, che però preferì non partecipare. 

In questa circostanza furono delegate alcune persone del nostro gruppo per andare a parlare direttamente con l'allora Prefetto di Arezzo, Clara Vaccaro e strappare almeno l'impegno a non gravare con ulteriori arrivi il nostro territorio anche in prospettiva di un imminente bando che ne prevedeva l’accoglienza di altri 17.

Dal momento che l’amministrazione mai aveva aperto con la cittadinanza un dibattito più ampio, l'unico modo per poter avere un confronto diretto, fu quello di richiedere un consiglio comunale aperto nel quale all'ordine del giorno si affrontasse la delicata questione dei richiedenti asilo nel comune di Castel Focognano.

In questa occasione (seduta del 22 ottobre 2016) furono tante le nostre interrogazioni e perplessità e tante “rassicurazioni” ci furono date dal sindaco e dagli amministratori.

Vogliamo, tuttavia, porre l’attenzione sulla comunicazione della giunta che si espresse orgogliosamente, con le parole di seguito riportate “rendiamo, infine, volentieri le parole del Prefetto quando ci dice che, in termini di accoglienza, la Toscana è la più virtuosa delle regioni e che la provincia di Arezzo è la più virtuosa della Toscana. Crediamo da aretini e da toscani, che ci sia solo da esserne fieri”.

Nel ringraziare le forze dell'ordine che si stanno adoperando per riportare sicurezza e legalità, alla luce di quanto è successo nelle ultime ore con arresti per spaccio di droga eseguiti, tra i richiedenti asilo, anche a Rassina, ci chiediamo se qualcuno avrebbe ancora l’ardire di pronunciare simili parole".

Potrebbe interessarti

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

  • Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

  • Smartphone, occhio al virus FinSpy che spia i nostri cellulari

  • Come pulire il pelo dei nostri amici a quattro zampe. I consigli

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Cade dalle scale e muore: tragedia in provincia di Arezzo

  • Rave party abusivo: irrompono carabinieri e polizia, 70 ragazzi denunciati. Cinque sono aretini

  • Ragazza di 25 anni si schianta contro il guard rail sul ponte della Meridiana

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento