Coronavirus, Mugnai (Fi): "Le residenze rischiano di trasformarsi in bombe sanitarie, lì ci sono i più fragili"

Dopo il caso Bucine, i vertici regionali di Forza Italia: "Ospiti spesso non autosufficienti e senza alternative, ammalarsi lì equivale a generare focolai"

"Il caso dell'ospizio di Bucine faccia scuola. Anche nelle Rsa subito dispositivi di protezione individuale come per i sanitari, o saranno focolai a ripetizione": l’allarme arriva dai vertici toscani di Forza Italia, vale a dire il coordinatore regionale onorevole Stefano Mugnai e il Capogruppo in Consiglio regionale Maurizio Marchetti.

"Che le nostre residenze sanitarie assistenziali rischino di divenire autentiche bombe sanitarie – affermano – non siamo noi i soli a dirlo, se l’Istituto Superiore di Sanità sta avviando uno studio specifico d’impatto su questi luoghi dove vengono accolti i cittadini fragili fra i più fragili. Spesso non autosufficienti, sovente con patologie cognitive, la maggior parte delle volte privi di qualunque alternativa di residenzialità al domicilio. Soli, malati, disorientati".

"A prendersi cura di loro – incalzano Mugnai e Marchetti – ci sono operatori spesso di cooperative, come nel caso di Bucine. Con loro trascorrono le giornate, le notti… e con loro purtroppo si contagiano e si ammalano. Ebbene: questi microcosmi di comunità meritano pari tutele rispetto agli spazi sanitari propriamente detti. Non è accettabile che all’annuncio da parte della Regione di aver distribuito migliaia di mascherine, laddove arrivano non siano in realtà dispositivi ffp2 o ffp3, nemmeno mascherine chirurgiche, bensì veline. Forse sono quelle in tessuto non tessuto made in Tuscany, e possono forse andare bene per i comuni cittadini. Ma non in spazi dove ospiti e operatori sono iperesposti al virus e al contagio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rischio, secondo Forza Italia, è quello del cortocircuito: "Il timore è che nessuno si azzardi più a lavorare in Rsa, e che nessuno accetti di sostituire gli operatori positivi che finiscono in quarantena: chi seguirà i nostri anziani o i nostri familiari non autosufficienti, a quel punto? E’ un’emergenza nell’emergenza. Per questo chiediamo che si dotino al più presto i lavoratori delle Rsa di dpi di alto livello. Al più presto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • E' morta una maestra elementare contagiata da Coronavirus

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

  • Trenta casi positivi in una residenza per anziani

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento