Coronavirus, Mugnai (Fi): "Le residenze rischiano di trasformarsi in bombe sanitarie, lì ci sono i più fragili"

Dopo il caso Bucine, i vertici regionali di Forza Italia: "Ospiti spesso non autosufficienti e senza alternative, ammalarsi lì equivale a generare focolai"

"Il caso dell'ospizio di Bucine faccia scuola. Anche nelle Rsa subito dispositivi di protezione individuale come per i sanitari, o saranno focolai a ripetizione": l’allarme arriva dai vertici toscani di Forza Italia, vale a dire il coordinatore regionale onorevole Stefano Mugnai e il Capogruppo in Consiglio regionale Maurizio Marchetti.

"Che le nostre residenze sanitarie assistenziali rischino di divenire autentiche bombe sanitarie – affermano – non siamo noi i soli a dirlo, se l’Istituto Superiore di Sanità sta avviando uno studio specifico d’impatto su questi luoghi dove vengono accolti i cittadini fragili fra i più fragili. Spesso non autosufficienti, sovente con patologie cognitive, la maggior parte delle volte privi di qualunque alternativa di residenzialità al domicilio. Soli, malati, disorientati".

"A prendersi cura di loro – incalzano Mugnai e Marchetti – ci sono operatori spesso di cooperative, come nel caso di Bucine. Con loro trascorrono le giornate, le notti… e con loro purtroppo si contagiano e si ammalano. Ebbene: questi microcosmi di comunità meritano pari tutele rispetto agli spazi sanitari propriamente detti. Non è accettabile che all’annuncio da parte della Regione di aver distribuito migliaia di mascherine, laddove arrivano non siano in realtà dispositivi ffp2 o ffp3, nemmeno mascherine chirurgiche, bensì veline. Forse sono quelle in tessuto non tessuto made in Tuscany, e possono forse andare bene per i comuni cittadini. Ma non in spazi dove ospiti e operatori sono iperesposti al virus e al contagio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rischio, secondo Forza Italia, è quello del cortocircuito: "Il timore è che nessuno si azzardi più a lavorare in Rsa, e che nessuno accetti di sostituire gli operatori positivi che finiscono in quarantena: chi seguirà i nostri anziani o i nostri familiari non autosufficienti, a quel punto? E’ un’emergenza nell’emergenza. Per questo chiediamo che si dotino al più presto i lavoratori delle Rsa di dpi di alto livello. Al più presto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento