Conte e i suoi ministri incontrano tutti i sindaci d'Italia ad Arezzo. In chiusura il presidente della Camera Fico

Saranno tre giorni in cui le massime istituzioni italiane saranno ad Arezzo per confrontarsi con i sindaci. E saranno gli aretini ad aprire l'evento

Giuseppe Conte incontra i sindaci, fonte pagina Facebook del premier

Saranno tre giorni intensi, dal punto di vista logistico e per la gestione della sicurezza delle personalità che arriveranno. Da martedì 19 a giovedì 21 si alterneranno sul palco di Arezzo Fiere il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, il premier Giuseppe Conte, i ministri del governo e il presidente della Camera Roberto Fico. Saranno tutti ad Arezzo perché è la sede scelta per l'assemblea congressuale dell'Anci, l'associazione nazionale che racchiude tutti i comuni d'Italia e che quindi riunisce i vari sindaci. Attualmente ne è presidente Antonio Decaro di Bari, mentre per la Toscana presidente è Matteo Biffoni, primo cittadino di Prato.

Mattarella ad Arezzo 

Il programma della prima giornata

Alle 9:30 di martedì 19 novembre ci sarà l'apertura delle iscrizioni e la registrazione dei delegati. Poi seguirà l'insediamento dell'ufficio di presidenza, l'approvazione di alcune modifiche statutarie, l'elezione del presidente dell'Anci stessa e del consiglio nazionale, l'immediato insediamento e la prima riunione.

Alle 16:30 seguirà la vera e propria assemblea con i lavori che saranno aperti dalle istituzioni aretine e toscane, a partire da Biffoni, Silvia Chiassai Martini come presidente della Provincia di Arezzo, del sindaco Alessandro Ghinelli e Enrico Rossi governatore della Toscana. Così il presidente dell'Anci neo eletto porterà la sua relazione. Una cerimonia di apertura che si svolgerà con la presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. 

L'Anci chiuderà la prima giornata con una cena sociale, di gala, alle 20,30 sotto le Logge Vasari.

Nella seconda giornata la presenza di numerosi ministri

Alle 9,00, nella prima sessione di lavori, i comuni si confronteranno sul tema 'i sindaci per un nuovo stile di vita e di sviluppo', trattando quindi gli argomenti del cambiamento climatico, i mutamenti demografici, l'innovazione tecnologica e sociale: le sfide epocali del nostro tempo impongono un cambiamento nei no- stri stili di vita e nel nostro modello di sviluppo. Come operare perché questo cambiamento muova verso il benessere e la sostenibilità?.

Sarà in questo frangente che interverrà il ministro per l'interno Luciana Lamorgese, con il giornalista Franco di Mare.

Alle 9,30 spazio alla tavola rotonda  alla quale parteciperanno tra gli altri il sindaco Ghinelli e il primo cittadino di Parma Federico Pizzarotti. E con l'intervento del ministro per gli affari regionali e autonomie Francesco Boccia e del ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Sergio Costa.

Alle 11,00 partiranno i lavori della seconda tavola rotondadal titolo 'Verso un’Europa delle città'. Parteciperanno tra gli altri Luigi De Magistris sindaco di Napoli, Virginia Raggi, primo cittadino della Capitale e Giuseppe Sala di Milano.

Alle 12,00 saranno celebrati i 170 anni di Cassa Depositi e Prestiti e subito dopo, con  Chiara Appendino sindaco di Torino e i colleghi Biffoni, Decaro. Intorno alle 12,30 è previsto l'intervento del presidente del consiglio Giuseppe Conte che chiuderà i lavori della mattina.

Alle 14,30 la sessione avrà la presenza del ministro delle infrastrutture e dei trasporti Paola De Micheli e sarà dedicata a 'Lo spazio urbano in trasformazione': La capacità che le città avranno di progettare e realizzare case, strade e piazze re- silienti, accoglienti, pulite, sicure, sostenibili farà la differenza tra il loro sviluppo e il loro declino. Come possono le città sviluppare lo spazio urbano in funzione della felicità delle comunità e dell’autorealizzazione delle persone che le compongono?

Alle 16,00 le ministre Elena Bonetti per le pari opportunità e la famiglia e Fabiana Dadone per la pubblica amministrazione parteciperanno alla sessione dedicata a 'La comunità è la risposta: Tutti gli indicatori economici e sociali sono concordi nel mostrare, nel nostro Paese, una società fragile in cui le disuguaglianze si acuiscono e cresce il rischio di atomizzazione. L’impegno di sindaci e amministratori locali deve andare nella direzione di una trasformazione della società, della costruzione delle condizioni per l’esercizio delle responsabilità individuali verso gli altri, verso l’ambiente, verso i beni comuni.' Ci saranno i segretari generali dei sindacati Barbagallo per la Uil, Furlan per la Cisl e Landini della Cgil oltre che alcuni sindaci d'Italia.

Alle 17,15 sarà la volta del tema 'I sindaci imprenditori dell’Italia': Sono le città e i territori i motori dello sviluppo economico. Le evidenze convergono nel mostrare come l’attivazione di nuove economie e opportunità di impresa passi per il riconoscimento e la valorizzazione delle potenzialità dei luoghi. La sfida per i sindaci è quella di fare di Comuni e Città Metropolitane i soggetti in grado di aggregare e supportare le energie del territorio. Oltre al presidente del Coni Giovanni Malagò e a quello dell'associazione italiana calciatori Damiano tommaso, sono stati invitati a partecipare i ministri Teresa Bellanova per le politiche agricole e Stefano Patuanelli dello sviluppo economico.

Giovedì 21, gli eventi della giornata di chiusura

Alle 9,00 la sessione si aprirà sul tema 'Il futuro che ci (a)spetta': Non era mai successo nella storia che i giovani avessero, come oggi, meno speranze dei vecchi. Per invertire questa tendenza e ridare speranza ai giovani, i sindaci devono coinvolgerli nella definizione di politiche locali, ingaggiarli nelle scelte in favore di un’economia orientata alla circolarità, della valorizzazione del territorio come bene comune, della costruzione di un sistema educativo diffuso che sappia integrare scuola, famiglia e società per la piena realizzazione delle persone.

Seguirà alle 11,00 la tavola rotonda su 'La città che collabora' e al termine della quale interverrà il presidente della Camera Roberto Fico.

L'assemblea sarà chiusa dall'intervista del presidente dell'Anci a cura del giornalista Antonio Polito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto frontale: muore giovane aretina. Grave un 46enne

  • Tragedia di Ristradelle, Helenia e il suo grande amore per gli animali. Lavorava per Enpa: "Lascia un vuoto enorme, la sua dolcezza era unica"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Stelle Michelin Toscana 2020: Arezzo presente con un ristorante storico. E con un giovane chef

  • Allarme bomba: evacuate le Poste centrali. Ma nel pacco c'è del pane

  • Cinghiale distrugge 20mila euro di cocaina nascosta sotto terra

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento