"Una commissione speciale per rilanciare Castiglion Fiorentino"

"Occorre capire come l’amministrazione comunale intende procedere per  venire incontro alle richieste che nascono dal territorio"

La proposta è quella lanciata dal Partito Democratico di Castiglion Fiorentino.

In questo difficile momento la gente è appesa al filo di una informazione, per cui mai come adesso  la politica e le istituzioni devono essere vicine ai cittadini. Esiste un dovere di trasparenza che non può essere trasgredito.  Fanno bene i Sindaci ad informarci sul progredire della malattia, ma questo non basta. Nel mentre si affronta l’emergenza sanitaria, con tutti gli strumenti disponibili,  occorre però capire cosa succederà una volta superata la fase più complicata Avremo imprese industriali, commerciali, artigiane e agricole  in grossa difficoltà. Avremo professionisti e partite Iva con una decurtazione del reddito. Avremo gli operatori del turismo in ginocchio. A questo si sommeranno tanti dipendenti che rischiano il posto di lavoro o la cassa integrazione. Come Comune come si intende procedere?

Si è voluto approvare in tutta fretta il bilancio comunale, nonostante la proroga al 31 maggio, con la motivazione che così il comune potrà impegnare le cifre per intero e non in dodicesimi. Che vuol dire questo? Che destinazione vogliamo dare ai soldi del comune? Noi siamo convinti che di qui a maggio non si farà nulla, perché non solo le attività sono in gran parte bloccate ma perché ci sarà, alla luce dei danni provocati dall’ epidemia , un riassestamento di tutta la spesa pubblica, compresi i bilanci comunali.

Da subito occorre pensare al dopo: come PD proponiamo una Commissione speciale composta da tutte le forze del consiglio comunale e dai rappresentati  delle categorie economiche e sociali per valutare gli scenari che si apriranno a Castiglion Fiorentino. Occorre capire come l’amministrazione comunale intende procedere per  venire incontro alle richieste che nascono dal territorio. Noi chiediamo una riduzione della tassa sui rifiuti, perché in questo periodo i conferimenti sono nettamente diminuiti, una riduzione della quota comunale sull’IRPEF, una riduzione drastica dell’IMU sui capannoni artigianali e commerciali, un ridimensionamento del costo dei passi carrabili, una diminuzione delle tariffe per la mensa e il trasporto scolastico. Insomma chiediamo una modifica completa della tassazione comunale.  Inoltre questa commissione dovrà lavorare alla prossima formazione del bilancio, individuando  in maniera chiara quali siano le priorità per il comune.Noi ne proponiamo tre: sostegno alle imprese locali, sostegno alle famiglie in difficoltà, investimenti sul rilancio turistico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Covid-19: sette nuovi casi nell'Aretino di cui tre in città. Il bollettino della Asl

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • E' morta una maestra elementare contagiata da Coronavirus

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento