Scandalo Coingas: "Perché Castiglioni ha votato l'approvazione del bilancio?"

I consiglieri comunali di opposizione punta il dito contro il sindaco Agnelli: "Ha mandato al suo posto un'assessora inesperta"

"Mentre tutti gli altri comuni di centro, destra, sinistra, civici hanno dichiarato “di non voler votare un bilancio sotto indagine”, Castiglion Fiorentino l’ha fatto".

L'evidenza è quella emersa durante l'ultima assemblea dei soci di Coingas che, la scorsa settimana, si è svolta all'interno dell'Hotel Minerva. Una riunione arrivata all'indomani della bomba esplosa e riguardante l'avvio dell'inchiesta che vede sotto i riflettori - per il momento - cinque indagati

La scorsa settimana i sindaci soci della provincia di Arezzo sono stati chiamati a dare il proprio parere positivo al bilancio 2018. Un documento che però non a tutti è sembrato legittimo visto che è oggetto d'indagine da parta della magistratura per via delle ormai celebri consulenze. Così è stato approvato ma con solo due voti soltanto. Uno è arrivato dal Comune di Arezzo e l'altro dal comune di Castiglion Fiorentino.

All'indomani di questo parere favorevole espresso dall'amministrazione della Valdichiana, sono i consiglieri di minoranza Castiglioni nel Cuore ad intervenire pubblicamente sostenendo che: "la cosa singolare è che di fronte a un atto così rilevante Mario Agnelli non si è presentato ed ha delegato al suo posto una giovane componente della giunta, probabilmente inesperta e senza un mandato chiaro. Così l’assessora ha votato a favore del bilancio di Coingas. Poi, resasi conto della responsabilità che si assumeva, si è scusata parlando del suo voto come di un voto tecnico. Nessuno gli ha spiegato che nel suo caso non si trattava di un “voto tecnico”. Non è un fatto tecnico approvare un bilancio con all’interno 440mila euro di consulenze oggetto d'indagine da parte della magistratura e dove si ipotizzano i reati di peculato, abuso d’ufficio e favoreggiamento personale. Il comune di Arezzo, per esprimere un voto tecnico, ha delegato ad approvare il bilancio un funzionario, non un assessore. Agnelli con una superficialità che lascia sconcertati ha invece “messo di mezzo” una rappresentate politica della sua giunta".

Considerazioni pensati che hanno portato i consiglieri castiglionesi ad uscire allo scoperto ed esporsi pubblicamente in merito alla vicenda.

"Perché il comune di Castiglion Fiorentino ha votato a favore di quel bilancio? Un voto per altro inutile visto che il voto di Arezzo bastava per l’approvazione. Per quale motivo il sindaco non si è presentato ed ha inviato un'assessora con scarsa esperienza esponendo il nostro comune a una pessima figura? Rimaniamo quindi in attesa delle dovute spiegazioni consapevoli che non basta dichiarare di essere trasparenti, occorre esserlo davvero".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto auto-moto tra Pieve al Toppo e San Zeno: grave 43enne. Strada temporaneamente chiusa

  • Travolto in piazza Guido Monaco mentre attraversa la strada

  • Precipita per quattro metri nel vuoto: ferito un 60enne

  • "Mio figlio ucciso da una leucemia, oggi curabile: per questo ho fatto testamento per la ricerca"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento