Coingas, Agnelli: “Votazioni sempre all'unanimità". Il Comune annuncia l'uscita dalla partecipata

Durante il consiglio comunale di Castiglion Fiorentino il sindaco interviene sul caso Coingas

Si è svolto questo pomeriggio il consiglio comunale a Castiglion Fiorentino, nel quale si è discusso del caso Coingas, tema al centro del dibattito. Nelle scorse settimane i gruppi di opposizione avevavo attaccato il sindaco Agnelli sulle intercettazioni, chiedendo spiegazioni al riguardo. Il nome di Agnelli uscì perchè fu proprio il primo cittadino di Castiglion Fiorentino a indicare il nome di Giovanni Minetti come presidente del consiglio dei sindaci revisori.

Come riporta Ansa, le consulenze finite sotto indagine erano state documentate e spiegate durante le assemblee dagli stessi professionisti indagati e votate all’unanimità da tutti i sindaci espressione dei più vari partiti e schieramenti.

“Su Coingas si apre un caso politico. Durante le assemblee - come si legge sulla nota Ansa - i presidenti Sergio Staderini prima e Franco Scortecci hanno sempre documentato ai sindaci tutto ciò che veniva fatto per rianimare Coingas ovvero un piano per fornire ai comuni soci assistenza su manutenzione, video sorveglianza e tutta una serie di progetti che i professionisti finiti al centro delle indagini per la congruità delle loro consulenze sono sempre venuti in assemblea a documentare. Del resto Coingas non ha dipendenti e dunque a nessuno è parso strano che si ricorresse a professionisti esterni. Nessun sindaco ha mai trovato in tutto ciò niente da ridire”.


Castiglion Fiorentino è stato l'unico comune ad aver votato il 4 luglio il bilancio preventivo della partecipata Coingas insieme ad Arezzo.

“Tutto è stato sempre votato all’unanimità anche perché le spese, consulenze comprese, erano pienamente documentate - ha precisato il sindaco - ai soci quindi competeva votare il bilancio del momento che tutto era inserito ma non spetta agli stessi giudicare se le consulenze erano congrue o no. Ora dal momento che i progetti votati non sono andati in porto ci riserviamo un’eventuale azione di responsabilità e siamo pronti a deliberare la vendita delle azioni Coingas di cui deteniamo il 2 per cento uscendo dalla partecipata” - ha concluso il sindaco.

Le indagini in corso da parte del pm Andrea Claudiani vedono nove indagati per vari  reati che vanno dal peculato al favoreggiamento all’abuso d’ufficio. Tra questi i due presidenti Coingas e il presidente di Estra Francesco Macri.

Questa la nota ufficiale del Comune di Castiglion Fiorentino

Il Consiglio Comunale di ieri pomeriggio 29 luglio è stato l’occasione per Sindaco e Giunta per affrontare la vicenda Coingas.

Con la delibera n.19 del 9 aprile 2015 il consiglio comunale di Castiglion Fiorentino aveva approvato il piano operativo di razionalizzazione delle società e delle partecipazioni societarie direttamente ed indirettamente possedute. Dalla delibera si evince che la partecipazione alla società Coingas Spa non può essere mantenuta e pertanto l’amministrazione dovrà mettere in atto le procedure necessarie per arrivare alla cessione della propria quota di partecipazione, seppur minoritaria, nella società, oppure in alternativa e di concerto con tutti i comuni soci allo scioglimento della società e alla fusione con la società Estra Spa. Preso atto delle indagini in corso su Coingas circa gli incarichi conferiti ai professionisti, per i quali sarà la magistratura a giudicarne la congruità e la legittimità, il comune di Castiglion Fiorentino è intenzionato ad uscire dalla partecipata.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Va anche ribadito, che le varie assemblee dei soci Coingas hanno sempre deliberato, all’unanimità,  i vari punti all’O.d.G. alla presenza degli stessi professionisti. Il tutto nel tentativo, non andato a buon fine, di rilanciare l’attività della suddetta società. In sede di assemblea, altresì, non hanno costituito oggetto di discussione né tanto meno valutazione gli incarichi affidati e i compensi richiesti e/o corrisposti ai sopracitati professionisti presenti alle stesse assemblee. L’approvazione del bilancio avveuta nell’assemblea del 4 luglio u.s. non preclude in alcun modo azioni di responsabilità qualora venissero accertati reati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Spunta una "spada nella roccia" in provincia di Arezzo

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Esami di guida, ipotesi rivoluzione: candidato solo in auto senza esaminatore né istruttore. Protestano le autoscuole

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento