"Cantarelli? La politica ha fallito insieme alla fabbrica". L'intervento di Luciano Meoni

All'indomani dell'ultima udienza che ha riguardanto l''ex azienda della Valdichiana, leader nel settore delle confezioni per uomo, ecco che è lo stesso esponente del centrodestra cortonese ad intervenire

"La Cantarelli? E' una storia tutta da chiarire".

A sostenerlo è il consigliere di opposizione in consiglio comunale a Cortona, Luciano Meoni nome, sul quale, la Lega ha più volte puntato anche per la candidatura a sindaco nella prossima corsa elettorale.

All'indomani dell'ultima udienza che ha riguardanto l''ex azienda della Valdichiana, leader nel settore delle confezioni per uomo, ecco che è lo stesso esponente del centrodestra cortonese ad intervenire sostenendo come: "la notizia che il giudice di Arezzo stia valutando la situazione inerente l’affitto che attualmente è assegnato ad una società “bulgara” deve far riflettere".

Uno spunto di riflessione che induce il consigliere Meoni a sottolineare quanto sia "amareggiato da questa situazione, la quale doveva essere gestita con trasparenza e a tutela dei dipendenti. Ricordo il flop istituzionale del sindaco di Cortona; prima annunciò il reclamo contro fallimento, per poi non presentarlo, adducendo scuse non credibili. Il comune di Cortona creditore, a causa del non pagamento da parte dell’azienda di tasse locali, aveva tutto il diritto di reclamare, cosa che non è stata fatta nonostante gli annunci nella stampa locale. La domanda sorge spontanea è chi ha “bloccato” il reclamo, l’unica forma rimasta in piedi per evitare il fallimento. Perché un Sindaco si lancia in una pubblica uscita per poi ritirarsi? C’è forse un sindacato che non era in “sintonia” con il reclamo al fallimento? Domande lecite che debbono avere risposta". 

Tuttavia ora contano i fatti, si deve “pretendere” aldilà di chi sarà a gestire il marchio che la produzione rimanga a Cortona, che almeno una parte delle risorse umane vengano reimpiegate, non è auspicabile che si traslochi il marchio Cantarelli all’estero, lasciando morire una fabbrica che ha fatto la storia di Cortona.

La valutazione è proprio questa, un’Amministrazione locale invece di rimanere silente e soprattutto assente, si doveva far sentire, senza mai demordere, puntando sul fatto che un’azienda come la Cantarelli avrebbe potuto ancora dare molto, il marchio è forte e il prodotto è apprezzato, i dipendenti sono capaci e lo hanno dimostrato negl’anni, non mancherebbe nulla, solo la volontà di crederci ancora.

La politica ha fallito insieme alla fabbrica, alcuni soggetti del Pd si presentarono poco tempo fa in fabbrica con tanto di “rinfresco” senza alcuna vergogna, con la solita passerella di chi comunque ha il lavoro assicurato, come per dire cosa ci importa degli altri.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Mortale sulla 71, la tragedia per un'invasione di corsia. Non c'è omicidio stradale

  • Cronaca

    L'operaio rubava oro alla Giordini. La titolare: "Che amarezza"

  • Incidenti stradali

    Incidente sul raccordo autostradale: task force di soccorsi. Quattro feriti nello schianto

  • Politica

    Centro unico di cottura, il comitato bocciato a metà. Tanti: "Inizia la rivoluzione tranquilla"

I più letti della settimana

  • Schianto sulla Sr71, geometra 50enne perde la vita

  • Calcio, tutte le classifiche dei campionati dalla serie C alla Seconda categoria

  • Travolta in strada nella notte: muore a 24 anni

  • Incidente sul raccordo autostradale: task force di soccorsi. Quattro feriti nello schianto

  • Tragedia a Renzino, Andreea Bianca travolta lungo il ciglio della strada: ad Arezzo da un anno, forse usciva da un locale

  • Tragedia a Subbiano, muore il geometra Ferrini: ancora uno schianto sulla Sr 71

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento