Bracciali (Pd) e il giorno del ricordo: "I morti della storia, e dei totalitarismi, hanno identica dignità"

Matteo Bracciali, consigliere comunale del Pd interviene sulle celebrazioni del Giorno del Ricordo:

Fossi stato uno studente avrei accolto di buon grado l’invito del sindaco Ghinelli a partecipare al Giorno del Ricordo come omaggio agli italiani morti nelle foibe o costretti all’esodo dai territori giuliano-dalmati. La sua lettera alle scuole avrebbe suscitato la mia approvazione.
Ma poi sarei andato in segreteria e avrei chiesto se analoga missiva era stata spedita in occasione del 27 gennaio. Perché mi sarei aspettato analogo invito per la Giornata della Memoria. Oppure, che analoga riflessione fosse sollecitata per celebrare le vittime dei totalitarismi. Tutti. Compreso quello fascista. Che in merito alle morti di innocenti se ne intende: da Gobetti, a Gramsci, a Matteotti, ai fratelli Rosselli, alle fosse ardeatine. Agli ebrei che in virtù delle leggi razziali italiane furono poi lasciati alla mercé nazista.
Andiamo insieme, sindaco, nelle scuole, a raccontare che i morti della storia hanno la medesima dignità e meritano la stessa commemorazione. E aiutiamo i ragazzi a comprendere che il passato può ritornare e che la pace è l’unico obiettivo che si rinnova ogni giorno. La guerra inizia dividendo gli uomini tra bianchi e neri o europei e africani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto auto-moto tra Pieve al Toppo e San Zeno: grave 43enne. Strada temporaneamente chiusa

  • Travolto in piazza Guido Monaco mentre attraversa la strada

  • Maltempo sulla Toscana: fulmini e grandine, è allerta meteo. Codice giallo nell'Aretino: i comuni interessati

  • "Mio figlio ucciso da una leucemia, oggi curabile: per questo ho fatto testamento per la ricerca"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento