Basanieri: "Propaganda, demagogia mascherata per difesa dei lavoratori"

Di seguito un intervento del sindaco di Cortona Francesca Basanieri Nulla è cambiato, a parte il nome, nella destra aretina, anzi ritroviamo a distanza di anni sempre Macri senza dubbio persona vicina al mondo dei lavoratori per tradizione...

Di seguito un intervento del sindaco di Cortona Francesca Basanieri

Nulla è cambiato, a parte il nome, nella destra aretina, anzi ritroviamo a distanza di anni sempre Macri senza dubbio persona vicina al mondo dei lavoratori per tradizione.

Si è addirittura scomodato Francesco Macri da Arezzo per dire che il Ministro non voleva parlare con i lavoratori. Le cose non stanno affatto così. Il Ministro, come spiegato dal Sindaco di Cortona, si era detto fin da subito favorevole ad un incontro con i lavoratori, che sollecitati dal Sindaco, non hanno potuto essere presenti.

Il sindaco ha comunque spiegato al Ministro la situazione di Cantarelli e consegnato un documento predisposto dai sindacati. Congiuntamente, infatti, le Segreterie Provinciali Filctem Cgil e Femca Cisl hanno redatto una nota per spiegare la situazione dell'azienda e chiedere al Ministro incentivi economici ed aiuti per salvaguardare i 271 posti di lavoro. Macrì e i suoi rappresentanti locali prima si informino e poi scrivano sui giornali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Nessuno ha negato niente a nessuno, la manifestazione si è svolta in un clima di assoluta tranquillità e chiunque poteva parlare con il Ministro, sempre nel rispetto dei ruoli. Alcune forze politiche, legittimamente, hanno deciso per un sit in di protesta piuttosto che partecipare, e su questo nessuno di noi e' intervenuto. Questa e' la logica della democrazia.

Il sindaco ha dato seguito a ciò che era stato deciso e che aveva affermato, parlando con i Sindacati e con i lavoratori anche fino a due ore prima dell'evento. Il Ministro non si è mai rifiutato ma non essendoci lavoratori ha lasciato che il sindaco illustrasse insieme alla giunta le ragioni degli operai e consegnasse il documento dei sindacati. Per noi l'obiettivo non era urlare in piazza o manifestare il dissenso o elogiare il governo ma era quello di ricevere un rappresentante del Governo e cercare con la strada del dialogo e della chiarezza eventuali soluzioni ai problemi della Cantarelli e di altre aziende. Certo e' che con la demagogia e il populismo non si risolvono i problemi. Noi siamo chiamati, nel momento che ricopriamo una carica istituzionale, a rappresentare al meglio la nostra comunità cercando soluzioni e tenendo sempre aperto il dialogo. Il solo obiettivo e' il benessere di tutta la comunità e non una striminzita pagina di giornale ed una manciata di consensi in più.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Telefonate con offese e insulti omofobi dopo la partecipazione a 4 Ristoranti": il racconto di Mariano

  • Scocca l'ora di Arezzo a 4 Ristoranti: tutto quello che c'è da sapere sulla puntata

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Schianto in moto, muore a 39 anni Thomas Lorenzetti

  • La notte di 4 Ristoranti, Borghese: "Arezzo bellissima. La sua cucina? Forte e decisa, come i suoi abitanti"

  • Insetti in casa: scutigera, perché conviene non ucciderla

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento