Casucci (Lega): "Chiediamo chiarezza sugli aumenti tariffari del servizio idrico"

Con un atto in Regione il consigliere del carroccio ha chiesto spiegazioni sulla realizzazione dell’impianto di depurazione Lagaccioni nel comune di Figline Valdarno

I consiglieri regionali della Lega, Marco Casucci e Jacopo Alberti, sono intervenuti con un atto in Regione per chiarire la situazione degli aumenti tariffari del servizio idrico a Castelfranco Piandiscò.

“Anche a seguito di un’interrogazione fatta dai consiglieri Gianmarco Brunetti, Orietta Gagliardi e Marco Morbidelli della lista civica Castelfranco Piandiscò - affermano Marco Casucci e Jacopo Alberti, consiglieri regionali della Lega - abbiamo deciso di intervenire anche con un atto in Regione, per chiarire la situazione creatasi a seguito degli aumenti tariffari del servizio idrico, legati alla realizzazione dell’impianto di depurazione Lagaccioni, ubicato nel comune di Figline Valdarno.

In particolare - proseguono i consiglieri - la nostra mozione chiede espressamente alla Giunta regionale di attivarsi tempestivamente presso l’autorità idrica toscana con lo scopo primario di verificare la legittimità delle richieste economiche avanzate da Publiacqua nei confronti degli utenti residenti, appunto a Castelfranco Piandiscò (in particolare nella frazione di Castelfranco di Sopra) per coprire i costi complessivi della predetta struttura collocata a Figline.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Occorre, dunque - precisano i rappresentanti del carroccio - verificare la liceità del tutto, tenendo presente che la Legge prevede che oneri a carico dei cittadini siano dovuti solamente se le opere inerenti al depuratore vengano effettuate “nel rispetto dei tempi programmati” e non, come in questo caso, dopo ben 10 anni dall’inizio della procedura di progettazione. Infine la nostra iniziativa consiliare tende a garantire agli stessi utenti eventuali rimborsi, qualora il gestore risulti, in qualche modo, inadempiente.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento