Una app contro l'amnesia transitoria dissociativa. La proposta in consiglio comunale

Nello specifico i consiglieri, propongono l'introduzione di un'applicazione per smartphone e tablet da mettere a disposizione di genitori, famiglie ed educatori

Una mozione per chiedere che l'intrduzione di strumenti volti al contrasto dell'amnesia transitoria dissociativa.

A presentara è stato il gruppo di opposizione in consiglio comunale Alleanza per Bucine. Nella richiesta viene specificato come l’introduzione di appositi strumenti tecnologici possa essere di aiuto a prevenire episodi legati alla patologia.

Nello specifico i consiglieri, propongono l'introduzione di una applicazione per smartphone e tablet da mettere a disposizione di genitori, famiglie ed educatori per garantire un'interazione più diretta nel caso di assenze ingiustificata. 

"L’amnesia transitoria dissociativa - spiega il consigliere comunale Jerry Mugnaini, primo firmatario del documento - è infatti una patologia della mente che può colpire chiunque in qualunque momento ed è sempre più diffusa in questi tempi vista la frenesia della vita odierna. Questa app servirà ad evitare le conseguenze più drammatiche e a creare un canale di comunicazione migliore fra genitori ed il personale delle strutture educative. Strumenti simili - già adottate o in fase di adozione in alcuni comuni limitrofi al nostro - permettono al genitore di comunicare l’assenza del proprio figlio ed al contempo possono registrare l’ingresso all’asilo nido dei bambini. In caso di mancata registrazione nei 15 minuti successivi all’orario previsto, l’app fa partire una serie di chiamate automatiche che avvertono i familiari dell’anomalia. Grazie a questi alert si possono evitare eventuali tragedie. La richiesta sottoscritta dal gruppo consiliare Alleanza per Bucine sarà discussa e votata nella prossima seduta del parlamento bucinese. Auspichiamo che si possa trovare un consenso bipartisan su iniziative come queste dato l’alto valore morale e civico della richiesta e considerato anche il bassissimo sforzo economico che graverebbe sulle casse comunali; la sicurezza dei nostri ragazzi non ha appartenenza e/o colore politico, ma riguarda l’interesse di tutti. Al contempo confidiamo di poter estendere questo servizio ben presto anche alla scuola materna, dove sarebbe altrettanto importante".

Diventano obbligatori i seggiolini anti abbandono per bimbi in auto

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Io sto con Walter". Pioggia di adesioni, dopo Sofri arriva la solidarietà di Scanzi: "Tieni duro"

  • Schianto fra auto, sette feriti: bimbo di 4 anni gravissimo. Altri due bambini coinvolti

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto lungo la regionale 71: strada temporaneamente chiusa. Due feriti

  • Guida 2020 de L'Espresso: due ristoranti della provincia di Arezzo con il "cappello". Tutti i top della Toscana

  • Schianto auto-moto tra Pieve al Toppo e San Zeno: grave 43enne. Strada temporaneamente chiusa

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento