Albano Ricci: "Contento per Simona, ma non ho meriti". Entro una settimana la segreteria Pd

In silenzio da un po' di tempo, segretario provinciale di un partito in forte difficoltà, che deve ritrovare il bandolo della matassa per ricollegarsi con un 'area sociale e culturale che si è sparpagliata. Le ultime sfide elettorali sono andate...

albano-ricci-2

In silenzio da un po' di tempo, segretario provinciale di un partito in forte difficoltà, che deve ritrovare il bandolo della matassa per ricollegarsi con un 'area sociale e culturale che si è sparpagliata. Le ultime sfide elettorali sono andate male, sia a livello politico che amministrativo, ma nella notte tra domenica e lunedì è arrivata una boccata d'ossigeno, non certo risolutiva, con l'elezione di Simona Neri come sindaco di Laterina Pergine. Di tutto questo parliamo con Albano Ricci, segretario provinciale del Pd aretino.

Che significato ha questa vittoria di Simona Neri e della lista civica che anche voi avete sostenuto?

"Questa vittoria consegna un ottimo sindaco al comune di Laterina Pergine, il miglior sindaco possibile, ha fatto bene a Pergine, ha superato la sfida complicatissima sulla fusione, ha vinto, è riuscita a tenere i nervi saldi in una campagna elettorale lunghissima sempre con il sorriso con gentilezza, senza mai alzare i toni, il miglior sindaco possibile davvero, giovane, capace, determinata. In più credo che il fatto che le risorse le possa amministrare una persona che ha seguito tutto il progetto della fusione sia importante, ha sempre avuto una visione per il bene dei cittadini, così potevano arrivare e sono arrivate risorse spendibili e importanti."

E per il Pd che significa? E' una boccata d'ossigeno?

"Come segretario Pd sono rimasto contento, quella di Simona Neri è una lista civica dove alcune persone impegnate nel partito hanno dato il loro contributo, sicuramente siamo contenti, ma il merito è della squadra che ha lavorato nel territorio, io non ho meriti e non ne voglio."

Come sta il Pd provinciale?

"In sede fa molto caldo, ma battute a parte, sicuramente dopo l'esito di Laterina Pergine stiamo un pochino meglio, il partito è in sofferenza ad Arezzo come in generale, ma nonostante questo sto girando molto la provincia per gli incontri alla festa del Pd di Pieve Santo Stefano, in settimana a Civitella, Sansepolcro, poi andrò alle Chianacce, a Stia, a Camucia, è un Pd che comunque batte colpi, non è svenuto senza risollevarsi, c'è voglia di fare, di ripartire, ci siamo ritrovati in un cambio culturale in poco tempo, sono i tempi nuovi che vanno più veloci."

La nomina a segretario provinciale è arrivata nel novembre 2017, ormai sono passati 9 mesi e una segreteria non è ancora costituita, perché?

"Tecnicamente la segreteria era stata costruita all'inizio, ma dopo la sconfitta di marzo è stata azzerata, ci sono stati confronti lunghi con un percorso da ricostruire, adesso ci siamo, entro una settimana questa partita si dovrebbe chiudere, così il Pd provinciale avrà una segreteria operativa."

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento