A Castiglion Fiorentino tutti scontenti. Una lettera aperta dell'avvocato Nucci

Dopo le notizie delle ultime ore sul futuro processo sul dissesto del Comune di Castiglion Fiorentino, l'avvocato Domenico Nucci ha fatto pervenire in redazione questa lettera aperta che riportiamo in forma integrale: Il clima di delusione e...

Dopo le notizie delle ultime ore sul futuro processo sul dissesto del Comune di Castiglion Fiorentino, l'avvocato Domenico Nucci ha fatto pervenire in redazione questa lettera aperta che riportiamo in forma integrale:

Il clima di delusione e rassegnazione che si respira a Castiglion Fiorentino, nonostante le numerose feste, in fondo era inevitabile dopo il fallimento del Comune del 2011.

Dopo quattro anni alcuni ex amministratori e funzionari sono stati tratti a giudizio per rispondere di alcuni reati che, solo marginalmente, riguardano il buco finanziario dell'ente.

Gli imputati sono scontenti perché al di la del legittimo e sacrosanto diritto alla difesa, subiscono la gogna mediatica della quale ne avrebbero fatto volentieri a meno.

Già il processo è una pena, a prescindere dal suo esito e a prescindere anche dall'istituto della prescrizione.

Sono scontenti i nuovi amministratori perché in fondo avrebbero voluto qualcosa di più incisivo e immediato per poter voltare pagina con maggiore convinzione.

I creditori dell Comune sono scontenti perché si sono dovuti accontentare della metà del credito vantato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
I cittadini poi sono scontenti perché consapevoli che tutto potrà finire in una bolla di sapone, se la prendono inutilmente con gli autori materiali del dissesto, con chi non ha controllato o con la giustizia lumaca.

La delusione maggiore la vivono quando sentono dire che nel 2016, fuori dalla procedura di dissesto, non saranno fuori anche dall'inasprimento delle loro odiate tasse.

Perché le tasse rimarranno le stesse, cioè quelle feroci e insopportabili, viste le riduzioni dei trasferimenti di Renzi agli enti locali. A noi castiglionesi allora ci conviene prendere atto di come sono andate le cose, lasciar perdere il passato e lavorare per un futuro diverso. Avv. Domenico Nucci, Senza Partiti

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Obbligo di mascherine sempre, ecco cosa dice l'ordinanza del sindaco

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento