Test sierologici e tamponi, come si devono comportare le aziende?

Per chiarire tutti i dubbi Confindustria Toscana Sud ha organizzato un incontro con la Regione e con l'Asl

Quali sono gli obblighi del datore di lavoro in tema di sieroprevalenza? E con quali modalità i datori di lavoro possono effettuare i test sierologici? Quali sono i costi, le tempistiche del successivo tampone in caso di test sierologico positivo e come viene gestito il tempo che trascorre tra i due esami? A quali laboratori ci si deve rivolgere? E quali sono i delicati aspetti legati alla privacy dei dipendenti?

Visto il complesso quadro medico-normativo, sia nazionale che regionale, sul tema dei test sierologici, Confindustria Toscana Sud organizza un confronto diretto con Regione Toscana e Usl Toscana Sud Est per chiarire alle aziende associate tutti gli aspetti di una normativa che ad oggi risulta estremamente complicata, non sempre coordinata ed in continua evoluzione.

“Le aziende devono rispettare tutti gli adempimenti per la sicurezza cercando di orientarsi tra i diversi provvedimenti nazionali e regionali in un panorama normativo estremamente caotico - dice Antonio Capone, direttore generale di Confindustria Toscana Sud – la Regione Toscana ha emanato varie ordinanze sul tema dei test sierologici. Le aziende industriali non rientrano al momento nelle categorie alle quali è effettuato con priorità il test sierologico rapido offerto dalle Aziende Sanitarie; sono però estremamente attente a tutti gli aspetti della sicurezza e vogliono valutare tutte le migliori azioni di prevenzione da contagio Covid-19 nei luoghi di lavoro, ivi compresa la scelta volontaria di effettuare test sierologici. Auspichiamo quindi che il focus con Regione Toscana e Azienda Usl Toscana Sud Est sia lo strumento più efficace per chiarire i vari dubbi sorti in tema di test sierologici”.

L’evento, organizzato come webinar e riservato alle aziende associate, si terrà lunedì 8 giugno alle ore 15.30 e si aprirà con l’introduzione del quadro normativo di riferimento da parte di Carolina Gattuso (referente area sicurezza di Confindustria Toscana Sud); seguiranno gli interventi di Carlo Rinaldo Tomassini (direttore della Giunta regionale per la direzione dei diritti di cittadinanza e coesione sociale) sugli aspetti normativi della sieroprevalenza  e di Rossana Mancini (dirigente medico dell’Azienda USL Toscana Sud Est) sugli spetti medico-legali della somministrazione dei test sierologici.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • "Sia rilancio anche per il settore orafo"

  • Francesco Magni è il nuovo presidente del Gruppo Giovani Imprenditori di Arezzo

  • Giovani di Confindustria, Anselmi e Fumagalli vice presidenti nazionali. I complimenti di Fabrizio Bernini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento