Ztl chiusa in uscita: da lunedì attive le telecamere. Ecco cosa cambia per residenti e commercianti

"Le regole? Sono le solite". Il vicesindaco Gamurrini annuncia l'attivazione dei 60 giorni di sperimentazione con i varchi chiusi in uscita

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Le regole non cambiano.
Dentro alla Ztl di Arezzo non si potrà e non si può accedere dalle 8,30 alle 12 e dalle 17 alle 20.
Le eccezioni sono rappresentate dai residenti, che in ogni caso potranno varcare i confini a traffico limitato sempre, i mezzi di emergenza e i servizi di pubblica utilità.

Ma qualcosa però da lunedì prossimo non sarà più uguale a prima.

A cambiare infatti è il sistema di uscita dalla Ztl.
Se fino ad oggi chiunque si trovasse all’interno della città murata poteva lasciarla in qualsiasi momento, dalla prossima settimana dovrà farlo in conformità degli orari di accesso.

Sono le nuove disposizioni previste dall’amministrazione comunale di Arezzo che, a partire dall'8 aprile, saranno messe in atto per un primo periodo di sperimentazione (che terminerà l’8 giugno).
In questi sessanta giorni gli aretini dovranno prendere confidenza con il fatto che l’uscita dalla Ztl sarà sempre monitorata da un sistema di telecamere potenziato. In questo lasso di tempo però l’infrazione sarà comunque rilevata e comunicata ai titolari delle auto "beccate" dagli occhi elettronici dei varchi.

“Saranno avvisi bonari - spiegano il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli e il comandante della polizia locale Cino Augusto Cecchini - non verranno emesse sanzioni di alcun tipo”.

Nel dettaglio, otto nuovi varchi, di cui sei realizzati in prossimità delle sezioni in uscita della ztl, oltre all’aggiornamento tecnologico di un varco già esistente: quello di viale Buozzi.

L’accesso sarà vietato sempre nelle stesse fasce orarie 8,30-12, 17-20. Limitazione che conterà anche per i mezzi in uscita visto che le targhe saranno monitorate grazie a una telecamera in grado di coprire l’intera carreggiata.

“L'obiettivo finale è proteggere per quanto possibile il centro storico dalle autovetture - spiega il sindaco Alessandro Ghinelli - Questo perché è esteticamente bello e particolarmente sensibile, per la natura stessa delle strade, nate per il transito di carretti e cavalli e non di automobili, e per il numero dei posti-auto a disposizione dei residenti. La protezione del centro storico cittadino ha assunto una rilevanza più puntuale grazie alle telecamere, a partire dal 2004, un sistema di videocontrollo che è stato di ausilio alla polizia locale. Il fatto che finora fosse rilevato solo il passaggio in ingresso ha generato l’abitudine di chi sosta all'interno della ztl senza porsi limiti di orario. Questo comportamento non può essere rilevato puntualmente dagli agenti, che hanno ben altri compiti relativi alla sicurezza dei cittadini, e allora abbiamo pensato, senza cambiare le regole, a un sistema di controllo in uscita. L'intervallo di tempo tra l'ingresso ammettiamo alle 8,29 di un'auto e quello di uscita prevede comunque un comporto di 20 minuti, una misura elastica perché in questi casi non sarebbe giusto sanzionare gli automobilisti che sono entrati in ztl entro l'orario consentito. Prevediamo due mesi di sperimentazione, durante i quali i cittadini non saranno fatti oggetto di sanzione ma riceveranno una lettera di cortesia. Dall'8 giugno, scatteranno le sanzioni. È chiaro che un simile provvedimento genererà qualche scontento ma andrà a colpire chi non si comporta adeguatamente e confidiamo in un disagio molto limitato. Certamente i residenti troveranno più posti liberi, finora occupati da chi non poteva sostarvi. Questa amministrazione si fonda sul principio di rispetto delle regole e non può avere timore a prendere un provvedimento del genere, coraggioso e che reputo peraltro parte integrante del 'pacchetto' sicurezza”.

Concetti ribaditi dal comandante della polizia locale Cino Augusto Cecchini, che ha aggiunto: “il centro storico è peraltro di dimensioni importanti, non possiamo pensare, visto l’impegno profuso su tanti fronti, di monitorarlo quotidianamente in tutta la sua superficie per controllare le auto che parcheggiano senza averne diritto”.

“Cosa cambia per i titolari di permesso? - ha commentanto il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini - Nulla per i residenti, che possono continuare a uscire senza limiti di orario sia dalla ztl A che B. È utile ricordare che i residenti della ztl A possono inoltre entrare senza limitazioni mentre i residenti della ztl B possono entrare senza limiti di orario soltanto dai varchi di via della Fioraia, via Montetini, Borgunto, Piaggia San Martino mentre gli ingressi dai varchi di via Madonna del Prato, Corso Italia e via Mazzini sono possibili solo nelle solite fasce orarie al pari della sosta fuori dagli spazi riservati. Artigiani e commercianti potranno usufruire di un carnet di permessi aggiuntivi che permetterà di 'sforare' gli orari per dodici volte all’anno. Il carnet sarà utilizzabile grazie a una app da scaricare in un dispositivo mobile. Il Comune mette anche a disposizione un innovativo sistema di van-sharing elettrico per effettuare operazioni di carico e scarico senza nessun limite di orario. Due kangoo elettrici stazioneranno rispettivamente al parcheggio Eden e in piazza del Commissario e saranno a disposizione delle categorie economiche. I residenti avranno inoltre la possibilità di fare 15 cambi targa all'anno. Una città turistica deve crescere anche con provvedimenti di questo tipo”.

Dei nuovi varchi, due sono in ingresso alla ztl B e saranno collocati all’ingresso di via Montetini e all’ingresso di via della Fioraia di fronte alla sala Sant’Ignazio. Gli altri sei sono in uscita sia dalla ztl A che B e saranno in via Pileati davanti alla biblioteca, Borgo Santa Croce in prossimità del semaforo, via Buozzi all’altezza del varco in entrata, via Padre Caprara poco prima della rampa in discesa, Piaggia di Murello di fronte quasi al museo statale, via Isidoro del Lungo nei pressi dell’incrocio con via Cavour.

L’amministrazione sta lavorando per rendere più semplice l’ottenimento di permessi temporanei per residenti e non attraverso apposite applicazioni web e attivando la possibilità di effettuare i pagamenti, se dovuti, con l’utilizzo di Pago P.A.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Potrebbe Interessarti

  • Video

    Ztl e parcheggio selvaggio. Dal Comune: "Via gli abusivi e più posti per i residenti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento