Cosa fare in caso di terremoto? La guida con precauzioni e regole da seguire

Le norme di autoprotezione e i consigli più utili

Il terremoto è un fenomeno durante il quale ci sentiamo impotenti come non mai, ma soprattutto non è da sottovalutare.

La Protezione Civile ci dice che in 2.500 anni, l’Italia è stata interessata da oltre 30.000 terremoti di media e forte intensità superiore al IV-V grado della scala Mercalli, e da circa 560 eventi di intensità uguale o superiore all’VIII grado Mercalli. Solo nel XX secolo, 7 terremoti hanno avuto una magnitudo uguale o superiore a 6.5 (X e XI grado Mercalli).

Scala Mercalli e scala Richter

E, a proposito di scala Mercalli, sempre la Protezione Civile ci dice che per definire la forza di un terremoto sono utilizzate due grandezze differenti: la magnitudo e l’intensità macrosismica. La magnitudo è l’unità di misura che permette di esprimere l’energia rilasciata dal terremoto attraverso un valore numerico della scala Richter. L’intensità macrosismica è l’unità di misura degli effetti provocati da un terremoto, espressa con i gradi della scala Mercalli.

Come comportarsi in caso di terremoto

Innanzitutto occorre ricordare che il nostro territorio è inserito nella Classe Sismica 3 (bassa pericolosità). Gli eventi sismici - non essendo collegati a fattori meteorologici - non sono prevedibili, pertanto lo scuotimento del terreno avviene in modo inaspettato. 

È importante quindi non farsi cogliere impreparati pianificando, ad esempio, i miglioramenti strutturali che si possono apportare all’edificio in cui viviamo, rinforzando i muri portanti – qualora fosse necessario – e i collegamenti fra pareti e solai. In questi casi è bene rivolgersi ad un tecnico che saprà fornire le soluzioni più appropriate.

I LUOGHI PIU' SICURI IN CUI RIFUGIARSI

In caso di terremoto, è fondamentale cercare di mantenere la calma e porre in atto i corretti comportamenti di autoprotezione previsti per questo rischio, avendo già  valutato quali zone della casa o delle singole stanze siano le più sicure.

I muri portanti o perimetrali, gli angoli delle pareti, i vani delle porte (se ricavati nei muri portanti) sono i posti più sicuri della casa, ma anche sotto architravi, travi, tavoli e letti.

Puoi rendere più sicuri gli spazi in cui vivi adottando queste misure di prevenzione:

  • fissa bene alle pareti tutto ciò che potrebbe crollare durante una scossa sismica: mensole, armadi, scaffali, quadri…
  • poni gli oggetti pesanti sulla parte bassa delle scaffalature, sui ripiani alti puoi fissare oggetti leggeri con nastro biadesivo
  • allontana mobili pesanti da letti e divani
  • impara dove sono collocati e come si chiudono i rubinetti di gas, acqua e interruttore generale della luce
  • tieni in casa una cassetta di pronto soccorso, radio a pile, torcia, estintore
  • consulta il Piano Comunale di Emergenza del Comune di Genova

DURANTE IL TERREMOTO

Se sei al chiuso:

  • non precipitarti fuori durante le scosse di terremoto e non usare scale o ascensori in quanto strutture poco stabili
  • cerca riparo sotto architravi, travi o accanto a muri portanti e muri perimetrali della casa (ma lontano dalle finestre)
  • allontanati da tutto ciò che, cadendo, potrebbe colpirti

Se sei all’aperto

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
  • allontanati da edifici, lampioni, alberi, linee elettriche
  • in auto o a piedi non transitare su ponti, accanto a terreni che possono franare o su spiagge (potrebbero essere investite da onde anomale)
  • se non è indispensabile, non usare il telefono

DOPO IL TERREMOTO

  • assicurati sullo stato di salute delle persone attorno a te e, se necessario, presta i primi soccorsi ma non muovere le persone ferite gravemente
  • esci con prudenza assicurandoti che non ci sia distacco di materiali dallo stabile in cui ti trovi e indossa scarpe che ti possano proteggere da vetri rotti…
  • mettiti al sicuro in uno spazio aperto, lontano da edifici e/o strutture pericolanti
  • limita uso del telefono
  • se non indispensabile, non usare l’auto…potresti creare intralcio ai mezzi di soccorso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, nuovo caso in Valdichiana: si tratta di un minore. Asl al lavoro per ricostruire i contatti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento