L'ambiente in gioco 5.0: laboratori di Scienze ed Informatica per educare alla sostenibilità ambientale

Dopo il successo dello scorso anno, prosegue anche quest’anno il progetto di laboratori estivi sulle STEM (Scienze, Tecnologia e Matematica) promosso dall'Istituto Comprensivo Martiri di Civitella di Badia al Pino insieme all’Istituto Comprensivo...

arno-passioni

Dopo il successo dello scorso anno, prosegue anche quest’anno il progetto di laboratori estivi sulle STEM (Scienze, Tecnologia e Matematica) promosso dall'Istituto Comprensivo Martiri di Civitella di Badia al Pino insieme all’Istituto Comprensivo di Monte San Savino, in collaborazione con Legambiente e i Comuni di Civitella Valdichiana e Monte San Savino.

Il progetto è realizzato con il contributo del Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri e ha l’obiettivo di stimolare i ragazzi e soprattutto le ragazze delle scuole primarie e secondarie di I grado ad avvicinarsi alle materie scientifiche attraverso laboratori, attività, giochi ed escursioni nel territorio.

Due settimane di campi estivi, gratuiti, guidati da educatori ed esperti di Legambiente che stanno coinvolgendo in tutto 40 ragazze e ragazzi in un’avvincente scoperta della natura e dell’indagine scientifica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Al centro del progetto, il territorio e gli ecosistemi fluviali, scoperti con belle escursioni piene di stimoli. L’Arno e la zona di Pieve a Maiano per le scuole di Civitella e il torrente Butarone per i ragazzi di Monte San Savino: un’occasione per conoscere ambienti apparentemente naturali ma dove si intravede comunque la mano dell’uomo.

Sulle orme di grandi donne scienziate della storia i ragazzi e le ragazze dei due Istituti comprensivi avranno l’opportunità di osservare il paesaggio, raccogliere informazioni attraverso biomonitoraggi e approfondire i risultati con laboratori, esperimenti e giochi e riassumeranno il tutto in un ipertesto finale che troverà posto sui siti delle scuole.

Botanica, Zoologia, Geologia, Biologia ma anche Informatica e Tecnologia: il progetto permetterà di svelare discipline affascinanti, con la speranza che aumenti sempre di più la partecipazione delle femmine, statisticamente meno attratte dalle materie tecnico-scientifiche

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Animali 3D in casa grazie a Google. Come fare e l'elenco completo

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • "In trincea contro il Covid-19: colpisce e uccide lasciando soli i pazienti". La storia di Sara, infermiera aretina a Bologna

  • Coronavirus, 27 nuovi tamponi positivi nell'Aretino. In città due casi

  • Un 22enne stampa in 3D le valvole per le maschere Decathlon. E le dona agli ospedali

  • Coronavirus, Ghinelli: "Tornano a crescere i contagi, restate a casa. Residenza per casi positivi al Planet? Chiedo chiarimenti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento