L'Università "conviene"? Ad Arezzo ci vogliono 28 anni per ripagarsi la laurea

Un'indagine del Sole 24 Ore calcola quanti anni ci vogliono per un laureato per pareggiare il reddito di un diplomato, impiegato a tempo pieno

Alla fine dei cinque anni di scuole superiori c'è chi decide di andare a lavorare e chi continua con gli studi scegliendo un corso di laurea. Questi ultimi quindi entrano nel mondo del lavoro almeno tre anni dopo di chi ha scelto di interrompere gli studi dopo essersi diplomato. Ma in quanti anni di lavoro si ripaga una laurea?

Non esiste una risposta precisa perché dipende da molte variabili che vanno dal genere dei soggetti (le donne guadagnano meno degli uomini a parità di impiego) alla scelta dell'università, alle tasse pagate e molti altro ancora. 

Un altro fattore determinate nel calcolo è quello della città dove si vive, il dato varia se si abita a Roma o Milano.

Un'indagine del Sole 24 Ore - Info Data ha tracciato un quadro prendendo in considerazione i dati Istat relativi agli stipendi orari lordi dei lavoratori dipendenti del 2016, considerando un soggetto impiegato a tempo pieno, che sia perciò occupato 8 ore al giorno per 220 giorni all’anno. In alcune città non basterebbe una vita intera al laureato per colmare il gap con il lavoratore diplomato. La media italiana è poco più di 15 anni, anche se fa più impressione dire che il reddito cumulato di chi prosegue gli studi supererà quello del diplomato dopo ben quasi 27mila ore di lavoro.

Il quadro in Toscana

In Toscana quella messa peggio è Grosseto dove ci vogliono 54 anni e 10 mesi di lavoro per pareggiare il reddito di un soggetto che abbia intrapreso la carriera lavorativa subito dopo il diploma. Al secondo posto c'è Pistoia, con 44 anni e 11 mesi, che precede per poco Massa Carrara dove il reddito di un diplomato si pareggia dopo 43 anni e 10 mesi. Poi nella mappa regionale c'è Prato con 40 anni e 3 mesi. Si abbassano notevolmente gli anni di lavoro con Livorno, 29 anni e 1 mese per eguagliare il reddito dell'amico diplomato. Al sesto posto c'è Arezzo, dove "bastano" 28 anni e 6 mesi di lavoro per un laureato triennale. Agli ultimi posti in Toscana e in tutta Italia ci sono Pisa (16 anni e 3 mesi)Firenze (15 anni e 10 mesi) e fanalino di coda in termini positivi Siena con "soli" 14 anni e 6 mesi.

I dati nazionali

Al primo posto di questa speciale classifica si trova Viterbo dove ci vogliono ben 77 anni per pareggiare il redditto del lavoratore diplomato, quindi all'età di 99 anni. Al secondo posto c'è Imperia con 65 anni, chiude sul gradino più basso del podio Campobasso dove ci vogliono 56 anni e 9 mesi di lavoro. Agli ultimi due posti, quindi con trend positivo, ci sono Milano e Roma, con 9 anni (31 anni di età).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Iscrizioni scuole superiori 2020/2021: i licei in testa alle preferenze degli studenti

  • In arrivo un nuovo incentivo per chi assume giovani

  • Capitale della Cultura 2021. Scuole chiamate a raccolta, Curtolo: "Chiederemo il loro contributo"

  • Boom di iscrizione nei licei. Chiassai: "Congratulazioni ai dirigenti"

  • Chemalux, due posti disponibili alla partenza del master

  • Sport femminili, esonero dei contributi per le società che stipulano contratti di lavoro

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento