Coursera: un’ottima piattaforma di corsi universitari online anche gratuiti

Ecco come seguire da Pc, smartphone e tablet i corsi delle migliori università del mondo da Yale a Princeton

Il mondo delle università cambia velocemente e si evole: non solo (e non più) le università telematiche presenti in Italia, grazie a corsi online disponibili su Pc, smartphone e tablet, ma anche i MOOC (Massive Open Online Courses). Tra questi, nella nostra guida segnaliamo in particolare Coursera, una piattaforma grazie alla quale è possibile seguire oltre 2700 tipologie di corsi di più di 50 università sparse per il mondo.

Tra le più celebri segnaliamo ad esempio, Stanford, Yale, Princeton e il California Institute of Technology, a cui si affiancano università europee come l’Imperial College di Londra e italiane come l'università La Sapienza, la Bocconi e il Politecnico di Milano.

L’offerta formativa di Coursera è davvero ampia e comprende tantissime discipline dall’Economia all'Ingegneria, oltre a Matematica e alle Scienze sociali e non mancano master e corsi di specializzazione. 

Nata nel 2012, Coursera vanta oggi più di 35 milioni di iscritti con corsi tenuti anche da premi Nobel, disponibili in varie lingue oltre all'inglese, come francese, italiano e spagnolo.

I corsi prevedono video lezioni, materiale didattico ed esercitazioni online e forum di discussione. Corsi che possono essere seguiti anche in modo gratuito, tramite Pc o attraverso le app dedicate per smartphone e tablet. 

Sono però previste anche delle opzioni a pagamento per l’accesso completo al contenuto dei corsi e per il rilascio del certificato finale, con prezzi che partono da circa 30 euro. 

La piattaforma realizzata da Coursera offre un’interfaccia chiara e di facile utilizzo con ogni corso che ospita una pagina introduttiva che include anche il livello di difficoltà, i contenuti offerti in forma gratuita e a pagamento e le ore di studio necessarie per completarlo.

Corsi che purtroppo non sono riconosciuti legalmente in Italia, ma che sono comunque apprezzati dalle aziende, essendo ormai Coursera una piattaforma online famosa in tutto il mondo.

Università ad Arezzo

Ad Arezzo è presente il campus universitario del Pionta che ospita la sede del Dipartimento di Scienze della Formazione, Scienze Umane e della Comunicazione Interculturale. Offre i corsi di laurea in Lingue per la Comunicazione Interculturale e d'Impresa, Scienze dell'Educazione e della Formazione e quelli di laurea magistrale in Scienze per la formazione e la consulenza pedagogica nelle organizzazioni oltre a Storia e filosofia. A San Giovanni Valdarno c'è invece il Centro di Geotecnologie dell'Università di Siena dove vengono svolte attività di ricerca nell'ambito delle tecnologie applicate alle scienze della terra.  Sempre ad Arezzo hanno sede i corsi di laurea per le professioni sanitarie come fisioterapia e infermieristica. Sempre ad Arezzo i corsi di laurea (in teledidattica) in economia e commercio. Per maggiori informazioni vi segnaliamo il sito dell'Università di Siena con i corsi che si tengono ad Arezzo.

Quale università scegliere: i testi più venduti sul web

Quale università? Anno accademico 2019-2020. Guida completa agli studi post-diploma

Dall'Università al Lavoro 2: Una scelta consapevole per costruire il tuo futuro

Imparare a studiare. Le tecniche di studio. Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare

Metodo di studio: 3 facili passi per poter studiare, ricordare e memorizzare tutto ciò che vogliamo imparare velocemente, che sia per la scuola, per l'università ... o per altri aspetti della nostra vita

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come ordinare i libri scolastici e averli a casa in 24 ore

  • 1,2 milioni per gli asili nido della provincia: ecco dove e come saranno investiti

  • Via la plastica dai banchi: ritorno in classe con la borraccia

  • Scuole superiori militari: liceo classico e liceo scientifico

  • Ritorno a scuola: 7 consigli per partire con il piede giusto

  • Riparte la scuola, Autismo Arezzo attacca: "Pochi docenti di sostegno. Alcuni precari e senza specializzazione"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento