Il liceo Signorelli apre le porte all'Oriente: in arrivo 25 studenti cinesi

E' un corposo progetto che ha creato un network tra le scuole toscane e cinesi per scambi culturali all'estero

Il Liceo Artistico Luca Signorelli di Cortona è tra le poche scuole in Toscana che hanno avviato un progetto di collaborazione e formazione con la Cina, un grande paese con grandissime opportunità. Il progetto riguarda esclusivamente i licei artistici e musicali della Toscana. Si tratta di accogliere studenti cinesi nelle nostre scuole e formarli dal punto di vista artistico e nella nostra lingua e cultura italiana, in cambio i nostri alunni potranno essere ospiti dei compagni cinesi per 3 settimane, 6 mesi e 1 anno in maniera completamente gratuita. 

Lo scorso luglio, il dirigente scolastico, Maria Beatrice Capecchi, con alcuni colleghi di Siena, Firenze, Sansepolcro e Livorno sono stati a Pechino per firmare il primo atto di amicizia e collaborazione con le scuole cinesi. Un’altra missione esplorativa si è svolta dal 14 al 21 dicembre a Chengdu e per l’istituto Signorelli di Cortona ha partecipato il professore Giappichini Marco al Simposio Internazionale Cino – Italiano (Belt and Road) al fine di dare vita al primo Network tra scuole italiane finalizzato a favorire vacanze studio in Italia ed anni scolastici all’estero. 

Il network permetterà anche soggiorni all’estero di studenti italiani presso scuole cinesi sia per soggiorni studio sia per fare un anno scolastico all’estero.

L’evento ha attirato ed interessato moltissime scuole cinesi le quali hanno potuto comprendere il funzionamento della scuola italiana ed i prerequisiti necessari per venire a studiare in Italia. Si sono addirittura poste le base per l’introduzione di docenti italiani nelle scuole cinesi al fine di integrare i curricola di studio degli studenti cinesi.

Ad oggi hanno già aderito al network, nella sola provincia del Sichuan, 47 scuole ma altre 38 hanno già manifestato la loro volontà di aderire. 

In questo 2020 si celebreranno i 50 anni di relazioni diplomatiche tra Italia e Cina. A fine marzo saranno le scuole italiane a ricevere i colleghi cinesi in Italia ed a partire da luglio inizieranno i primi soggiorni studio nelle scuole aderenti al progetto. I professori sono rientrati con la consapevolezza e la convinzione che quando le eccellenze italiane sanno fare squadra i risultati sono la diretta conseguenza. Arte, musica, cultura e territori sono valori e ricchezze inestimabili.

La cultura può davvero diventare il motore propulsivo per il nostro paese al fine di attrarre studenti e turisti e la scuola occupare un ruolo centrale in questo percorso.

Il turismo culturale fa muovere ogni anno circa 3.000.000 di studenti nel mondo, il 90% dei quali si rivolge al mondo anglosassone; le scuole della Toscana sono convinte che sia arrivato il momento che anche l’Italia faccia la sua parte e si approprio del ruolo centrale che le appartiene: la cultura italiana non è seconda a nessuno nel mondo.

L’appuntamento per tutti è a fine Marzo e successivamente per l’intero mese di luglio, 25 alunni cinesi saranno presenti a Cortona dove potranno seguire lezioni nel nostro istituto, alloggiare  nelle nostre strutture cortonesi e visitare le bellezze artistiche del nostro territorio, assaporare le specialità culinarie della nostra terra. Pertanto l’istituto artistico Luca Signorelli apre le porte all’Oriente per diffondere la propria cultura, per apprendere tanto da un pese lontano da noi ma sempre più vicino, a beneficio dei nostri studenti e perché no anche del nostro territorio.

Foto Cina2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, sospese gite scolastiche e uscite d'istruzione

  • Tre assunzioni alla Camera di Commercio

  • Rinviato il concorso di Medicina

  • Iscrizioni scuole superiori 2020/2021: i licei in testa alle preferenze degli studenti

  • In arrivo un nuovo incentivo per chi assume giovani

  • Bonus nido 2020: come richiederlo e gli importi previsti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento