Arriva Camillo: la app che sorveglia i bambini negli asili nido

“Camillo” è il nome dell'applicazione che vigilerà sulle presenze quotidiane negli asili nido del Comune di Cavriglia: lo scopo, quello di prevenire episodi di abbandono in auto dei piccoli iscritti

Da gennaio scorso in Toscana, con la modifica del regolamento sui servizi educativi della prima infanzia, è scattato l'obbligo di segnalare le assenze, non preventivamente giustificate, alle famiglie.

Questo per aiutare a prevenire episodi come quelli avvenuti recentemente anche in Valdarno a causa dell'involontario abbandono in auto da parte dei genitori.

Ai comuni quindi spetta il compito di concretizzare l'input normativo regionale.

E l'amministrazione comunale di Cavriglia dal prossimo settembre ricorrerà ad una app “anti-abbandoni” sviluppata dalla società “Camillo” di Firenze e che porta proprio questo nome.

Si tratta di un'applicazione specifica per smartphone e tablet da mettere a disposizione di genitori, famiglie ed educatori per garantire un'interazione più diretta tra famiglie e struttura educativa nel caso di assenze ingiustificate.

La soluzione sarà adottata in via sperimentale nell'attuale anno educativo dei nidi d'infanzia comunali.

La funzionalità di “Camillo” andrà a regime a breve, non appena saranno completati la raccolta dati, la formazione del personale da parte dell'azienda produttrice della App e parimenti l'informativa a tutti i genitori  che riceveranno le istruzioni per l'uso del nuovo sistema. 

La volontà dunque della Giunta Comunale, che ha approvato questo progetto, è quella di garantire un elevato standard di sicurezza per le famiglie e tutelare la salute dei cittadini più piccoli considerato che purtroppo anche in Valdarno si sono verificate simili tragedie.

Così, con “Camillo”, una questione di forte sensibilità per tutte le famiglie troverà risposta e se la sperimentazione dimostrerà l'efficacia della APP, questa entrerà stabilmente nella quotidianità dei cavrigliesi.

L'intento della nostra giunta - ha detto l'assessore alla pubblica istruzione Paola Bonci - E' quello di supportare sempre più le famiglie che accedono ai servizi di educazione ed accoglienza per la prima infanzia, garantiti dalle strutture cavrigliesi, strutture all'avanguardia e che si avvalgono di un gruppo di educatrici preparato ed attento.

In particolare però in questo caso, la nostra attenzione si è rivolta al sostegno della genitorialità con un progetto immediato e concreto quando abbiamo incontrato “Camillo”.

Ben venga pertanto l'introduzione di questo applicativo di allerta, di sui le famiglie potranno usufruire gratuitamente, perchè il nostro impegno politico ha sempre avuto due fari: l'Educazione e il Sociale, la scuola ed i servizi alla comunità e alla persona, per promuoverne la sicurezza e il benessere a partire dai più piccoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Iscrizioni scuole superiori 2020/2021: i licei in testa alle preferenze degli studenti

  • In arrivo un nuovo incentivo per chi assume giovani

  • Capitale della Cultura 2021. Scuole chiamate a raccolta, Curtolo: "Chiederemo il loro contributo"

  • Bonus nido 2020: come richiederlo e gli importi previsti

  • Boom di iscrizione nei licei. Chiassai: "Congratulazioni ai dirigenti"

  • Chemalux, due posti disponibili alla partenza del master

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento