Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Tetto nuovo al nido Cucciolo: tolto l'amianto. Un milione di euro di lavori nelle scuole

Tutti i lavori sono stati completati in tempo per la riapertura delle scuole, a cominciare appunto dai nidi questa settimana

 

Nuovo anno scolastico e ristrutturate. Un milione di euro circa è l'investimento che l'amministrazione ha fatto nel corso dell'estate per lavori che vanno dall'adeguamento sismico, al risparmio energetico, alla rimozione dei pannelli di cemento amianto, utilizzati nella costruzione delle scuole tra gli anni '70 e '80. Come nel caso del nido comunale Cucciolo dove il tetto è stato sostituito.

Come hanno spiegato Gianfrancesco Gamurrini che ha la delega alla manutenzione e l'ingegnere capo Serena Chieli. Con il vicesindaco, segno anche della distensione dei loro rapporti, presente il sindaco Ghinelli.

Tra i tanti lavori programmati dall’amministrazione comunale per le scuole, “tutti ultimati prima dell’inizio dell’attività didattica per non creare disagi”  ha subito puntualizzato il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini "spiccano i lavori al nido Il Cucciolo."

“Stiamo parlando – ha proseguito Gamurrini – del definitivo smaltimento dell’eternit dal tetto e della congiunta realizzazione di una nuova copertura. Nel frattempo, l’eternit era stato adeguatamente incapsulato per garantire condizioni di sicurezza ai bambini che frequentano il plesso scolastico e al personale che vi lavora”. Per l’amministrazione comunale si è trattato di un investimento di 130.000 euro.

“Il nostro patrimonio di edilizia scolastica – ha dichiarato il sindaco Alessandro Ghinelli – è datato e ci sono vari immobili su cui è necessario intervenire per risolvere le criticità. L’amministrazione comunale si è prefissata un programma organico, che sta già attuando, di miglioramenti. Non dimentichiamo che di questi beneficia anche l’ambiente circostante visto che la maggior parte delle scuole aretine è inserita in contesti urbanistici e antropizzati”.

“Finalmente – ha concluso il vicesindaco – l’eternit appartiene al passato grazie al lavoro degli uffici che nei mesi estivi hanno portato a compimento a un elenco ambizioso di opere. Una bella sorpresa al rientro dalle vacanze”.

Prossimi passi, nella stessa direzione, dovranno essere compiuti nelle strutture gemelle di Fonterosa e di San Leo.

Intanto in questa estate i lavori hanno riguardato, la scuola materna Acropoli, la cucina del Fonterosa che dopo un anno di chiusura tornerà ad accendere i suoi fuochi e tutte le altre citate dall'ingegnere capo dell'ufficio manutenzione del Comune di Arezzo.

"A San Giuliano sono state realizzate due sezioni di scuola materna in seguito alla chisura della scuola di Battifolle, interventi nelle facciate della scuola di Rigutino, infissi sostituiti al Cesti. A Staggiano i lavori sono stati per dare il via al progetto "Scuola senza zaino" in collaborazione con l'istituto comprensivo, gli insegnanti e i genitori."

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento