Sicurezza sul luogo di lavoro. Il seminario di Partner e Lasi

seminario tematico di approfondimento “Spazi confinati e rischi: individuarli, misurarli e proteggersi”, in programma per il 25 ottobre

Il testo unico della sicurezza, contempla la formazione, l’informazione e l’addestramento come dei percorsi necessari che devono seguire i lavoratori per apprendere le regole e le metodologie che fanno parte del sistema prevenzionistico ai rischi della salute e sicurezza del lavoratore.
Troppe volte si parla di incidenti, infortuni sul lavoro. Conoscere i rischi, essere in grado di attivare misure preventive e agire in situazioni gravi e di emergenza sono i temi oggetto delle iniziative di formazione e seminariali che propongono le società Partner srl e Lasi, nel proprio centro di formazione accreditato di Pieve al Toppo.
Di particolare interesse è proprio il seminario tematico di approfondimento “Spazi confinati e rischi: individuarli, misurarli e proteggersi”, in programma per il prossimo venerdì 25 ottobre dalle ore 14, presso la sede di Largo Torricelli 7 a Pieve al Toppo.
Il seminario, valido per 4 crediti di aggiornamento per RSPP, ASPP, RLS, datori di lavoro, dirigenti, preposti e coordinatori per la sicurezza di cantiere, sarà tenuto dal dottor Franco Blasi (Azienda USL Toscana Sudest) e l’ingegner Antonio Zumbo (funzionario del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Arezzo).

L’obiettivo del seminario è quello di fornire gli strumenti per riconoscere, e di conseguenza ridimensionare e controllare, i rischi derivanti dalle lavorazioni in spazi ed ambienti confinati, pianificando interventi in sicurezza.
Chi lavora in ambienti confinati? I settori lavorativi che possiamo considerare più a rischio sono quelli industriali (si pensi a quello chimico), in cui per esempio possono essere presenti grosse cisterne per la lavorazione o la conservazione dei prodotti intermedi o finiti, in questi casi sono da considerare con attenzione anche e soprattutto le attività di pulizia e manutenzione. Inoltre il settore dell’agricoltura, per la presenza di silos di stoccaggio, in cui la presenza di polveri aero disperse, possono essere fonte di facili incendi.

Per maggiori informazioni è possibile contattare Valentina Valentini e Roberta Giani (tel. 0575 360459 - 057 5411750; e-mail: formazione@partnersrl.info - formazione@lasi.it)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sicurezza nelle scuole: oggi assemblee in tutti gli istituti. Dai verbali il focus sulle situazioni a rischio

  • Formazione Confcommercio, "diplomati" nuovi digital media specialist

  • Iscrizione scuola 2020/21: date e modalità

  • Il Planetario a disposizione delle scuole: ecco orari e info

  • "Un clic per la scuola", con Amazon fai i tuoi acquisti e doni soldi alla scuola dei tuoi figli

  • Assegni nucleo familiare, le domande anche dai Consulenti del lavoro

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento