Conoscersi e progettarsi, il corso di Arezzo Psicosintesi

Il primo appuntamento sarà mercoledì 29 gennaio e avrà come argomento “Assagioli e la psicosintesi”

Un percorso per approfondire la conoscenza di sé e per esprimere le proprie potenzialità. L’associazione Arezzo Psicosintesi rinnova il proprio impegno nel corso di formazione triennale che, scandito attraverso trentasei incontri, accompagnerà uomini e donne di ogni età ad esplorare la complessità del loro mondo interiore per arrivare a delineare un progetto di vita consapevole e coerente con la loro identità, la loro volontà, i loro valori e i loro obiettivi. Il primo appuntamento è in programma dalle 19 di mercoledì 29 gennaio in via Cavour 115 e avrà come argomento "Assagioli e la psicosintesi", fornendo ai nuovi allievi l’opportunità di ottenere una prima introduzione sul metodo della psicosintesi che, ideato da Roberto Assagioli, fornisce gli strumenti e le mappe necessarie per attivare una crescita personale attraverso la comprensione di come siamo fatti e come funzioniamo.

"Il percorso di formazione - commenta Marco Montanari, presidente di Arezzo Psicosintesi, - si ripete da oltre dieci anni e fa affidamento sulle competenze di psicologi, psicoterapeuti, counselor e professionisti che, nelle trentasei lezioni in calendario, pongono le loro esperienze al servizio dei cittadini per accompagnarli a trovare la loro strada personale verso l’armonia, il benessere e la serenità".

"Imparare a conoscersi" è il tema del primo anno di corso che, scandito tra dodici incontri, permetterà di avviare un’esplorazione di sé tra conscio e inconscio, ruoli e identità sociali, corpo e mente, ponendo le basi per affrontare il secondo anno dal titolo “Le nostre funzioni psichiche” che sarà focalizzato su aspetti specifici dell’Io quali impulsi e desideri, emozioni e sentimenti, immaginazione e pensiero, intuizione e percezioni sensoriali. A chiudere il corso sarà la terza e ultima fase dedicata a “Il progetto di sé” che rappresenta il coronamento del triennio attraverso l’approfondimento di potenzialità, talenti, volontà ed energie necessari per diventare registi attivi e consapevoli della propria vita. Ognuno dei tre anni è strutturato come un percorso completo e compiuto, dunque i singoli allievi potranno scegliere se vivere l’intero triennio o limitarsi ad uno specifico ciclo di incontri. Le singole lezioni saranno accomunate da un taglio creativo e attivo, con esercizi e tecniche per osservarsi nella vita quotidiana e per testare concretamente i benefici apportati dai vari incontri. In quest’ottica, ogni appuntamento porterà avanti un parallelo lavoro individuale e collettivo, con gli allievi che dovranno mettersi in gioco in prima persona e avviare una profonda analisi di sé, ma che allo stesso tempo attiveranno un processo di condivisione, confronto e scambio di esperienze con il resto del gruppo.
Il corso di formazione rappresenta il maggior impegno nel calendario del 2020 di Arezzo Psicosintesi che sarà inaugurato venerdì 17 gennaio, alle 21 presso la libreria Feltrinelli, dalla conferenza "Pazienza!" tenuta da Paola Butali per approfondire le qualità psicologiche della pazienza intesa come una forma di potere personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Liliana Segre interrompe gli incontri con gli studenti: l'ultimo grande appuntamento sarà ad Arezzo

  • Scuola primaria, a Quarata via ai lavori per attivare il doposcuola: tanti laboratori, dalla lingua cinese all'attività motoria con i cani

  • Mercato del lavoro: le lauree più richieste

  • Scuole casentinesi “plastic free”: a Pratovecchio Stia, Castel San Niccolò e Montemignaio distribuite 140 borracce

  • Ultimi posti disponibili per il corso IFTS

  • Edilizia scolastica. Chiassai in visita agli istituti aretini: "Sicurezza nostra priorità"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento