La storia di San Donato in Avane, il paese aretino scomparso da 35 anni

E' un paese fantasma, che oggi rivive per la prima volta in un libro: "San Donato in Avane, il paese ritrovato", Settore 8 edizioni, a cura di Filippo Boni e da un'idea di Piero Romanelli, Adelmo Brogi e Piero Secciani, tre suoi ex abitanti. Quell'abitato in realtà resiste su alcune mappe geografiche del Valdarno, le meno aggiornate. Ci sono campi coltivati, poderi, strade, case, una chiesa, una cappella, un mulino, una cooperativa, alcuni negozi. Però è scomparso da almeno 35 anni. Tranne coloro che lo vissero, che lo conobbero, che lo abitarono, oggi nessuno ricorda più nulla. Per la verità esiste anche una strada che da Gaville, dopo la Pieve, in direzione Le Corti, nel comune di Cavriglia, conduce a San Donato in Avane. Dopo una serie di tornanti e di buche sassose, improvvisamente compare un cartello bianco: "San Donato" è scritto di nero. La strada prosegue e poi si interrompe bruscamente. C'è una sbarra e dopo un'immensa distesa verde, si apre l'ex area mineraria del bacino di Cavriglia. E' là che sorgeva il paese. I giovani oggi quando sentono il suo nome lo collegano ad altri toponimi. San Donato in Avane infatti fu uno degli ultimi paesi evacuati e distrutti durante le escavazioni a cielo aperto della lignite tra la fine degli anni settanta e la prima metà degli anni ottanta. Si trovava quasi interamente nel territorio del Comune di Figline Valdarno (oggi Figline-Incisa), mentre una piccola porzione, per lo più poderi e case sparse, era situata nel Comune di Cavriglia.

Il volume, voluto e realizzato con l'obiettivo di ricostruire una pagina da riscoprire della storia del nostro territorio, narra la storia dell'abitato fin dalle sue origini medievali, per approfondire poi la vita, gli usi ed i costumi di tutti i giorni durante tutto il novecento, fino alla ricostruzione storica documentata dell'abbandono e della distruzione, avvenuta per l'ampliamento del bacino lignitifero tra i comuni di Cavriglia e di Figline tra il 1977 ed il 1985. Di grande interesse è anche la ricostruzione catastale ed iconografica, arricchita da bellissime immagini totalmente inedite provenienti da archivi privati, di tutti i poderi che componevano il territorio circostante al paese, integrati dalle splendide testimonianze di vita di tutti gli abitanti che li vissero e li abitarono.

Insomma un mosaico complesso e ricco di umanità, che mai fino alla pubblicazione di questo volume era stato realizzato.

Finalmente una pagina perduta della storia del Valdarno rivive, grazie ad un libro che restituisce dignità ad una memoria cancellata.

La presentazione del libro si svolgerà domenica pomeriggio alle 16 nella Casa della Civiltà Contadina di Gaville. Il programma della giornata prevede anche la Santa Messa nella Pieve di San Romolo (ore 11 e 30) ed il pranzo presso il circolo sociale (ore 13).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Incontri di arte e storia a Bucine

    • solo oggi
    • 16 giugno 2019
    • Castelletto di Montebenichi
  • “Le miracolose erbe di San Giovanni”, una visita al giardino medicinale dell’azienda

    • 22 giugno 2019
    • Aboca Museum
  • Passeggiata tra liberty e novecento ad Arezzo

    • Gratis
    • dal 8 al 14 luglio 2019
    • Comune

I più visti

  • Festa della ciliegia a Bagnoro

    • dal 12 al 16 giugno 2019
  • Leonardo da Vinci, mostra a Monte San Savino

    • dal 4 maggio al 1 settembre 2019
    • Museo del Cassero
  • Festa degli antichi sapori aretini ad Indicatore

    • dal 6 al 16 giugno 2019
    • Campo sportivo
  • I Giorni del Vino - Visite in cantina

    • dal 5 maggio al 13 ottobre 2019
Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento