La Musica alla Grande Guerra - Spartiti di musica e d’arte fra il 1914 e il 1918

La mostra

Il 4 novembre di cento anni fa si concludeva la tragedia della Prima Guerra Mondiale e per ricordare questo importante anniversario CaMu - Casa della Musica di Arezzo dal 10 al 23 novembre ospita la mostra La Musica alla Grande GuerraSpartiti di musica e d’arte fra il 1914 e il 1918, una selezione di circa cinquanta spartiti musicali - in gran parte esemplari di edizioni rarissime e introvabili - di quegli anni drammatici, frutto della paziente ricerca del collezionista aretino Carlo Pagliucci, che ha dedicato appassionate energie al collezionismo musicale, in particolare per quanto riguarda la musica popolare italiana tra XIX e XX secolo.

 Organizzata in collaborazione con il Comune di Arezzo e con la Fondazione Guido d’Arezzo, la mostra racconta l’Italia e gli italiani di allora attraverso le diverse anime musicali - dai canti patriottici a quelli popolari, dalle canzoni di protesta alle espressioni più colte della musica - di quei tempi bui e allo stesso tempo carichi di speranza.La campana di san giusto-2

Il percorso espositivo, organizzato in ordine cronologico, accompagna il visitatore lungo un viaggio che inizia con i canti dell’irredentismo e patriottici (L’ora di Trento e Trieste, Alla patria), con gli inni bellicosi per l’ingresso in guerra (Fuori i Barbari) e le canzoni nostalgiche intonate dai soldati al fronte (L’addio del bersagliere, (‘O surdato ‘nnammurato), prosegue con le melodie di conforto cantate nelle retrovie e tra il popolo (Stornello dell’aviatore), con i canti di montagna (Ta Pum) e con i canti anonimi di sofferenza e di protesta (O Gorizia, tu sei maledetta), per giungere alle melodie festose che annunciano la vittoria (La campana di San Giusto).

La leggenda del piave-2

A testimonianza che anche in tempo di guerra la vita quotidiana continuò in qualche modo a scorrere serenamente lontano dal fronte, la mostra prosegue con gli spartiti dei primi successi della canzone sentimentale italiana (Come pioveva), dei neonati tanghi rioplatensi (La Cumparsita) e con alcuni esemplari degli echi canori della Grande Guerra nei primi Festival di Sanremo del secondo dopoguerra (Vecchio scarpone). Il percorso termina con una sezione dedicata ai coevi canti stranieri, alle più note melodie risorgimentali e con alcune importanti partiture di composizioni colte.

La Musica alla Grande Guerra | Spartiti di musica e d’arte fra il 1914 e il 1918 
Mostra a cura di Carlo Pagliucci

Surdato_nnamurato-2

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • A Sansepolcro ti aspetta la mostra “LEONARDO DA VINCI: VISIONS”!

    • dal 14 marzo 2019 al 24 febbraio 2020
    • Museo Civico “Piero della Francesca” di Sansepolcro (AR)
  • "China Legends", 34 guerrieri in terracotta in mostra al Valdichiana Outlet Village

    • dal 29 novembre 2019 al 3 maggio 2020
    • Valdichiana Outlet Village
  • La regola di Piero: Mimmo Paladino dialoga con il maestro della luce

    • dal 15 giugno 2019 al 31 marzo 2020
    • Varie sedi

I più visti

  • A Sansepolcro ti aspetta la mostra “LEONARDO DA VINCI: VISIONS”!

    • dal 14 marzo 2019 al 24 febbraio 2020
    • Museo Civico “Piero della Francesca” di Sansepolcro (AR)
  • "China Legends", 34 guerrieri in terracotta in mostra al Valdichiana Outlet Village

    • dal 29 novembre 2019 al 3 maggio 2020
    • Valdichiana Outlet Village
  • La regola di Piero: Mimmo Paladino dialoga con il maestro della luce

    • dal 15 giugno 2019 al 31 marzo 2020
    • Varie sedi
  • Lupi nella neve in Casentino nel cuore della Toscana

    • dal 1 al 2 febbraio 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento