Sbandieratori in nero a Sanremo con i The Zen Circus, poi l'esibizione dei Negrita

L'esibizione come coreografia di accompagnamento della band prodotta dalla WoodWarm

Puntuali alle 21:20, dopo Nino D’Angelo e Livio Cori e Nek, i The Zen Circus sono saliti sul palco dell'Ariston per la loro prima esibizione a Sanremo e lo hanno fatto come annunciato accompagnati da una coreografia "aretina" una versione straordinaria e inedita degli sbandieratori di Arezzo. Daniele Serboli, Gabriele Rossi, Alessio Dionigi, Pier Alberto Faralli vestiti in nero, due al tamburo, due con le bandiere si sono esibiti ed è stato facile riconoscere le movenze che si vedono almeno due volte all'anno in piazza Grande nei giorni più importanti per la città.  I 4 sbandieratori hanno accompagnato le note e le parole de "L'amore è una dittatura." Sulle bandiere, nere e sui tamburi dello stesso colore, rappresentato solo un cuore rosso, così come nelle tute, simil militari indossate. Sbandieratori col volto coperto e elmetto nero in testa.

Un pezzo difficile e un'esibizione originale che ha strappato applausi.

Poi è iniziata l'attesa per l'arrivo della band aretina dei Negrita che si sono esibiti per sedicesimi cantando Quei ragazzi stanno bene. Ore 23:50 Pau, Drigo e company sono sul palco, in diretta su Rai1 dopo 16 anni. Esibizioni, applausi e via. L'emozione della prima sera è andata. 

negrita-sanremo3

Il testo dei The Zen Circus

Ci hanno visti nuotare in acque alte fino alle ginocchia
Ed inchinarci alle zanzare pregandole di non mescolare
Il nostro sangue a quello dei topi arrivati in massa con le maree
Le porte aperte, i porti chiusi, e sorrisi agli sconosciuti
Che ci guardano attoniti mentre ci baciamo,
Da uomo a uomo, mano nella mano
Una sigaretta non lo racconta ci vuole forse una vita intera
O una canzone non certo questa,
Altri maestri, altri genitori
Che non rinfacciano quello che sei, quello che vuoi
Quello che eri
Esistere è giusto un momento
Chi vive nel tempo muore contento
E sì, ci hanno visti contare le pietre di questo deserto
Pazienza, perdere tempo con il cielo, farlo di lavoro
Pagati per immaginare qualcosa che non puoi fotografare
Mi spiego meglio, senza nascondermi dietro a cazzate
Scritte per caso in questa palestra dell’orrore
Ecco la pietra, ecco il peccato,
Un cane pastore lo fa per amore,
Non per denaro, non per rancore,
Non per la lana esiste il gregge

Né per la legge
Siamo delle antenne, dei televisori
Emettiamo storie che fanno rumore
Cerchiamo la donna della vita o l’uomo della morte
Strade interrotte, eterni sorrisi, figli sangue del nostro lavoro
Non ci somiglieranno, figli ormai del mondo intero
E perdere la monotonia di quando tutto era al suo posto
I topi cacciati, debellati, mostri tutti sotto al letto
E lasciar volare via quell’abbraccio conosciuto
Di chi in nome del tuo bene ha distrutto il tuo passato
Quando arrivi tu se ne vanno gli altri
Sai che non va bene ma ti piace arrangiarti
Come fanno in quei paesi che non sappiamo pronunciare
Ma che ci piace addomesticare a parole
Ero presente al momento dei fatti
Il fatto non sussiste
Mettetelo agli atti
Ma non hai paura di nessuno
Se non della tua statura
Hai la democrazia dentro al cuore
Ma l’amore è una dittatura
Fatta di imperativi categorici

Ma nessuna esecuzione
Mentre invece l’anarchia la trovi dentro ogni emozione
Tu stammi vicino, anzi lontano abbastanza
Per guardarti il viso dalla stanza dei miei occhi
Aperti o chiusi, non importa
Sono occhi quindi comunque una porta aperta
Il tempo passa lo senti da questo orologio
Mentre lavori dentro un bar, ad una pressa o in un ufficio e…
E speri ancora che qualcuno sia lì fuori ad aspettarti,
Non per chiederti dei soldi, neanche per derubarti,
Non per venderti la droga e soffiarti il posto di lavoro
Ma per urlarti in faccia, che sei l’unica, sei il solo
Sei l’unica, sei il solo

Il testo dei Negrita

Tengo il passo sul mio tempo concentrato come un pugile
Sarà il peso del mio karma o la mia fortitudine
Con in mano una chitarra e un mazzo di fiori distorti
Per far pace con il mondo dei confini e passaporti
Dei fantasmi sulle barche e di barche senza un porto
Come vuole un comandante a cui conviene il gioco sporco
Dove camminiamo tutti con la testa ormai piegata
E le dita su uno schermo che ci riempie la giornata
Ma non mi va
Di raccogliere i miei anni dalla cenere
Voglio un sogno da sognare e voglio ridere
Non mi va

Non ho tempo per brillare voglio esplodere
Ché la vita è una poesia di storie uniche
E poi trovarsi qui sempre più confusi e soli
Tanto ormai non c’è più tempo che per essere crudeli
E intanto vai, vai che andiamo dentro queste notti di stelle
Con il cuore stretto in mano e con i tagli sulla pelle

Ma i ragazzi sono in strada, i ragazzi stanno bene
Non ascoltano i consigli e hanno il fuoco nelle vene
Scaleranno le montagne e ammireranno la pianura
Che cos’è la libertà? Io credo: è non aver più paura
Di piangere stasera, di sciuparvi l’atmosfera
E di somigliare a quelli come me
Non mi va…
Di lasciarmi abbandonare, di dovermi abituare
Di dovermi accontentare
Sopra di noi la gravità
Di un cielo che non ha pietà
Pezzi di vita che non vuoi perdere
Giorni di festa e altri da lacrime
Ma ho visto l’alba e mette i brividi, i brividi…

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Accusa un malore mentre guida l'auto: tragedia sfiorata

  • Cronaca

    Colpo alla Bicicletteria di via Crispi: rubata due ruote da 3mila euro. Arrestata ladra 50enne

  • Cronaca

    Cibo avariato trovato nel frigorifero delle suore

  • Storie a 4 zampe

    Ecco Zelda: trovata con una catena spezzata al collo, adesso cerca una famiglia

I più letti della settimana

  • Morta di freddo nell'auto che era diventata il suo rifugio: sconcerto per la scomparsa di una 54enne

  • Travolto da un'auto finisce in un burrone. Morto ciclista 58enne di Laterina

  • Calcio, tutte le classifiche dei campionati dalla serie C alla Seconda categoria

  • Bimbo di tre anni dimenticato per sei ore dentro lo scuolabus. Lo ritrovano i carabinieri

  • "Ridge" di Beautiful si rilassa in provincia di Arezzo, ospite di Paolo Rossi

  • Tragedia all'alba lungo la Regionale 71: 43enne muore in un incidente stradale

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento