Mini invasione aretina all'Only Wine Festival: 4 cantine, sommelier di pregio e decine di appassionati

Per gli appassionati dell'enomondo è diventato un appuntamento da cerchiare in rosso sul calendario. E data la vicinanza, sta ammaliando sempre più gli enofili aretini, che già ieri, prima giornata di manifestazione, hanno organizzato massicce...

Only-Wine1 (1)

Per gli appassionati dell'enomondo è diventato un appuntamento da cerchiare in rosso sul calendario. E data la vicinanza, sta ammaliando sempre più gli enofili aretini, che già ieri, prima giornata di manifestazione, hanno organizzato massicce trasferte per scoprire i cento giovani produttori artigianali selezionati. Si tratta dell'Only Wine Festival di Città di Castello, una kermesse sul vino fatta come si deve, apprezzata da esperti e semplici curiosi, categorie non sempre facili da mettere d'accordo. Oggi secondo e ultimo giorno.

Ogni anno l'organizzazione si avvale della consulenza di Ais (l'Associazione italiana sommelier) per la scelta delle cantine partecipanti: 100 da tutte le regioni d'Italia, con requisiti ben precisi. Produzioni limitate e quindi artigianali (non ci sono i colossi dell'industria vitivinicola), presentate dai giovani proprietari: a ogni banco d'assaggio si trova un ragazzo o una ragazza (under 40), che non è una controfigura giovanile scelta per l'occasione, ma che va in vigna e sta in cantina, si sporca le mani e con orgoglio presenta i prodotti dei propri sforzi.

Così i visitatori possono godersi un gustoso giro d'Italia attraverso i calici, fattibile in una giornata (lontano da allestimenti "monstre" stile Vinitaly, per intendersi) e che permette di conoscere 100 storie diverse dietro le etichette. Il mondo del vino sta vivendo un'enorme trasformazione, l'Only Wine Festival riesce a narrare intriganti spaccati di questo mutamento, attraverso la voce di chi ne è umile ma orgoglioso artefice. In tanti sventolano bandiere bio-qualcosa, a volte per marketing, a volte non solo. Tra i cento dell'Only Wine, il tema della sostenibilità è sentito e trasversale, recepito in maniera differente da cantina a cantina, ma sincero.

E chi visita gli stand, non solo può assaggiare un po' di tutto (ci sono le grandi denominazioni - dal Brunello al Barolo -, e soprattutto ci sono perle di piccole Doc, che riservano piacevoli sorprese), ma anche portarsi a casa una bottiglia, che non sempre è facile da reperire nei paraggi, a prezzo di cantina.

Quattro le bandiere di Arezzo che sventolano: ci sono Podere di Pomaio, dei fratelli Iacopo e Marco Rossi (foto sotto), di Arezzo; la Cantina Doveri di Fabrizio Doveri di Cortona; l'azienda agricola Baldetti di Alfonso Baldetti, sempre di Cortona, e i vini della Tenuta Lupinari di Bucine, di Antonella Pellegrino.

Fuori dagli spazi espositivi principali, ci sono poi alcune chicche: gli Orange Wine (ovvero i macerati, vini bianchi che diventano color arancio per la lunga macerazione sulle bucce), che hanno una sezione dedicata curata dal blogger Francesco Saverio Russo, marchigiano di nascita e aretino d'adozione; gli International - con Champagne, Riesling della Mosella e Pinot della Borgogna, ma anche curiosità dalla Georgia - e una sezione dedicata a sigari e whisky.

Non solo, ci sono degustazioni guidate da alcuni dei migliori sommelier in circolazione, come Andrea Galanti, Maurizio Filippi e l'aretino Luca Martini, campione del mondo 2013. E infine, tra gli aretini in circolazione, capita di incontrare pure Cristiano Cini, sommelier della giunta nazionale Ais e direttore di Wine Tv, media partner dell'evento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

@MattiaCialini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Coronavirus, nuovo caso in Valdichiana: si tratta di un minore. Asl al lavoro per ricostruire i contatti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento