Il significato del Giorno del Ricordo

Con la legge 92 del 30 marzo 2004 viene istituito il Giorno del Ricordo. E’ indicato il 10 febbraio per ricordare le vittime delle Foibe, dalmati, istiani e fiumani che furono uccisi negli anni che vanno dall’8 settembre del 1943 al 10 febbraio...

foibe

Con la legge 92 del 30 marzo 2004 viene istituito il Giorno del Ricordo.

E’ indicato il 10 febbraio per ricordare le vittime delle Foibe, dalmati, istiani e fiumani che furono uccisi negli anni che vanno dall’8 settembre del 1943 al 10 febbraio del 1947 e l’esodo dei friulani.

Le vittime, massacrate, fucilate furono gettate nelle foibe. Quest’ultime sono fosse, cave, tipiche del paesaggio istriano create dall’acqua che scorre sotto la superficie come pure da quelle piovane che corrodono le rocce calcaree e raggiungono la profondità anche di trecento metri.

Alcune dei martiri furono gettati vivi nelle foibe e trovarono la morte per annegamento. Più di tremila coloro che trovarono la morte tra fascisti, civili e oppositori all’annessione tra Venezia Giulia e Jugoslavia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Così sono nate le 6000 sardine": storia di Giulia, l'aretina che ha creato con tre amici il movimento anti Salvini

  • La pioggia fa paura: allagamenti, frane e fiumi in piena. Una famiglia evacuata. Chiusa per ore l'A1

  • 4 Ristoranti ad Arezzo: ci siamo. Arriva Alessandro Borghese

  • Auto trascinata dalla corrente, vigili del fuoco al lavoro per il recupero

  • Allagamenti ad Arezzo: strade chiuse e piante crollate

  • Quanto dura il maltempo? Le previsioni meteo ad Arezzo per il weekend

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento