Il significato del Giorno del Ricordo

Con la legge 92 del 30 marzo 2004 viene istituito il Giorno del Ricordo. E’ indicato il 10 febbraio per ricordare le vittime delle Foibe, dalmati, istiani e fiumani che furono uccisi negli anni che vanno dall’8 settembre del 1943 al 10 febbraio...

foibe

Con la legge 92 del 30 marzo 2004 viene istituito il Giorno del Ricordo.

E’ indicato il 10 febbraio per ricordare le vittime delle Foibe, dalmati, istiani e fiumani che furono uccisi negli anni che vanno dall’8 settembre del 1943 al 10 febbraio del 1947 e l’esodo dei friulani.

Le vittime, massacrate, fucilate furono gettate nelle foibe. Quest’ultime sono fosse, cave, tipiche del paesaggio istriano create dall’acqua che scorre sotto la superficie come pure da quelle piovane che corrodono le rocce calcaree e raggiungono la profondità anche di trecento metri.

Alcune dei martiri furono gettati vivi nelle foibe e trovarono la morte per annegamento. Più di tremila coloro che trovarono la morte tra fascisti, civili e oppositori all’annessione tra Venezia Giulia e Jugoslavia.

Potrebbe interessarti

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Ragno violino, come riconoscerlo e come difendersi dal morso

  • I 5 errori da evitare quando si arreda casa

  • Come allontanare gli scarafaggi

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Va a sbattere contro un muro: soccorso con Pegaso

  • Scontro auto motorino, 15enne trasferito alle Scotte con Pegaso

  • Donna travolta da un'auto, attivato Pegaso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento