Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arezzo s'inchina davanti alla Chimera: "La vittoria è per Giancarlo e per chi non ci aveva mai visto trionfare"

L'emozione di una città intera che è stata conquistata dal tripudio di Porta del Foro che, dopo anni di digiuno, ha conquistato la sua 27esima lancia d'oro

 

Lacrime, sudore e cuore. Quel cuore enorme giallocremisi che non ha mai smesso di battere forte e credere in quella stessa impresa che troppo spesso è scivolata via per un soffio. Un palpito appena.

La Chimera torna terribile e meravigliosa a ruggire in piazza Grande.
Il quartiere di Porta del Foro, dopo 23 giostre e 11 anni di digiuno, è il protagonista di questa notte. Sua la 138^ edizione del Saracino.

La lancia d'oro numero 27 arriva a San Lorentino grazie al lavoro di due giovani cavalieri, due amici, due fratelli di lizza. Gabriele Innocenti e Davide Parsi, i giostratori che hanno rotto quell'estenuante e lunghissimo digiuno. 
Prima il cinque di Innocenti e poi il quattro di Parsi. Nove punti per una lancia che vale come nessun'altra prima.

"Siamo la generazione che le Giostre le guardava - racconta Parsi appena sceso di sella - Ho sempre fatto parte del quartiere vivendolo a pieno. Prima come figurante e poi in questa veste. Il duro lavoro di tutto l'anno e di quelli prima ha premiato. Non dobbiamo, e non lo faremo, smettere mai di crederci e di impegnarci al massimo delle nostre potenzialità. La dedica? Alla mia fidanzata, Benedetta, che tutto l'anno mi supporta e sopporta". 

L'albo d'oro della Giostra del Saracino

Un'emozione così grande e così incontenibile da sembrare vera.

"Neppure riesco a capire come mi sento in questo momento - ha detto il rettore Roberto Felici - sono pieno di gioia e di orgoglio. Questa lancia è per chi non ha mai visto vincere Porta del Foro e per chi non ha fatto in tempo a vederci nuovamente trionfare tra i quali, sicuramente, c'è mio babbo Giancarlo (glorioso rettore giallocremisi ndr)".

Lacrime ed emozione anche per Gabriele Innocenti che ha subito imposto il passo agli altri quartieri correndo la carriera di apertura e mettendo la lancia sul centro del tabellone. 

"Per mio nonno e per chi non c'è più. La voglio dedicare a loro questa vittoria - spiega - Per il resto dico solo che è un'emozione indescrivibile". 

E con quella fierezza e grinta che da sempre distingue il popolo della Chimera Dante Nocentini, capitano di Porta del Foro, ha portato l'ambitissimo trofeo fino in cattedrale. 

"Giancarlo Felici - racconta - una volta mi ha regalato una vignetta dove ero raffigurato mentre alzavo una lancia d'oro. E' passato del tempo ma adesso questo sogno si è avverato perché lui, da lassù, ci guarda".

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento