L'arte raccontata da Gioia Baffetti tra acquarelli, ritratti e miniature

Lo scorso 18 febbraio Gioia è stata protagonista insieme ad altri 30 artisti provenienti da tutta Italia dell'evento "L'arte si mostra", rassegna ideata dalla casa editrice Pagine

Come spesso accade per queste cose la passione è nata insieme a lei. Da piccola pastelli, matite e disegni erano un richiamo troppo forte per non cedervi.

La storia di Gioia Baffetti, giovane artista di Mercatale di Cortona, parte proprio da un disegno fatto "quando frequentavo le scuole elementari. Ho sempre mostrato una grande predilezione per tutte quelle che erano le materie artistiche sino da piccolissima".
Così, attorno ai 15 anni, ha deciso di seguire questa sua inclinazione iscrivendosi all'istituto d'arte di Perugia. "L'ho frequentato per un due anni - racconta - poi però ho terminato i miei studi superiori presso un'altra scuola ad indirizzo economico e che con l'arte non c'entra proprio niente". Ma l'amore per l'arte e per il disegno non è scomparso. Anzi. 

Lo scorso 18 febbraio Gioia è stata protagonista insieme ad altri 30 artisti provenienti da tutta Italia dell'evento "L'arte si mostra, rassegna ideata dalla casa editrice Pagine.

"Tutto è nato dalla mia partecipazione ad un concorso - spiega - ho presentato alcuni miei lavori e, poco dopo, gli organizzatori mi hanno contattata per chiedermi se ero interessata a partecipare. Così lo scorso 18 febbraio ho esposto tre dei miei lavori a Palazzo Ferrajoli. E' stata un'occasione per far conoscere oltre i confini della mia terra dove, nel corso degli anni, ho realizzato opere su commissione e qualche piccolo evento". 

Tra gli artisti che ama ci sono Frida Kahlo e Salvador Dalì ma "non mi ispiro a loro nel mio lavoro. Abbiamo modi differenti di approcciare l'arte. La mia è una forma espressiva molto personale che nasce solo dalla mia creatività. La mia formazione è frutto di una ricerca che ho condotto, e continuo a condurre, da autodidata".

Progetti per il futuro?
"Contiuare a disegnare, dipingere e diventare tatuatrice. Sarà un altro modo per raccontare la mia arte".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Siamo increduli e addolorati, Federico conosce solo il lavoro". Così gli amici di Ferrini, accusato di omicidio

  • Pensionato trovato morto in un oliveto: dramma in Valdichiana

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Batterio New Delhi: un caso nell'Aretino. Il monitoraggio e la prevenzione in Toscana

  • "Dormivamo, ci sono entrati in casa e hanno rubato", il racconto. Aumentano le segnalazioni: controlli straordinari

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento