“Gambe ai Libri!”. Il servizio di consegna a domicilio della biblioteca comunale

Il servizio sarà attivo nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10 alle ore 12

“Gambe ai Libri!”. Parte domani il nuovo servizio messo a disposizione dall’amministrazione comunale per tutti coloro i quali vorranno leggere un libro della Biblioteca comunale. Basta prenotare il libro preferito e questo verrà recapitato al proprio domicilio. Dopo la spesa, quindi, viene dato il “cibo” alla mente. È possibile prenotare il libro telefonando allo 0575 65 64 02 o mandare una e-mail all’indirizzo pierpaolo.mangani@museicastiglionfiorentino.it. Il servizio sarà attivo nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 10 alle ore 12.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Anche la cultura, in questi particolari momenti, non può stare ferma. In questi giorni così complicati, in cui di tempo ne abbiamo davvero tanto per stare in casa e reinventare la nostra quotidianità, i nostri orari, le priorità, il libro può giocare un ruolo fondamentale. Intrattenimento, svago ma anche approfondimento da soli o insieme alla famiglia. Quindi diamo ‘Gambe ai Libri’ e affrontiamo queste lunghe giornate volte a contrastare la pandemia da Covid-19 in maniera diversa e se possibile più serena” dichiara l’assessore alla Cultura, Massimiliano Lachi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

  • "Smettetela di potare gli olivi". Ghinelli duro: "Faremo i controlli". Oggi 3 multe per le "giratine"

  • La mamma in ospedale e la nonna vittima del Coronavirus: due fratellini restano soli in casa

  • Inseguimento in zona Tortaia: i carabinieri fermano un 20enne, aveva preso la moto per farsi un giro

  • "Se porti la mascherina ti guardano e ridono". Ilaria dall'Olanda racconta il Coronavirus: "Abbiamo avviato una raccolta fondi"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento