Francesco Baccini in Casentino: "Io, artista contro. Brutto mondo quello musicale"

Cantante, musicista, attore. Artista contro e senza paura. Francesco Baccini torna in provincia di Arezzo, la seconda apparizione nell'Aretino (il precedente a Cortona negli anni '90) nella sua trentennale carriera. Un evento ad ingresso libero...

francesco_baccini

Cantante, musicista, attore. Artista contro e senza paura. Francesco Baccini torna in provincia di Arezzo, la seconda apparizione nell'Aretino (il precedente a Cortona negli anni '90) nella sua trentennale carriera. Un evento ad ingresso libero nell'ambito dell'iniziativa "Aspettando naturalmente pianoforte". Baccini si esibirà assieme a Sergio Caputo in piazza Vecchia (piazza Jacopo Landino) a Pratovecchio, con il recital “Un riflettore per due” a partire dalle 21.

Francesco Baccini, come è nato il sodalizio con Caputo?

"Non ci conoscevamo. Ci siamo incontrati per caso a un festival a Forlì. Ne è nata un'intesa interessante".

Ne è nato anche un album.

"Lui abita all'estero. Lo abbiamo composto via Skype".

Un lavoro lungo.

"Ci sono voluti sei mesi per completarlo. Lo abbiamo voluto far bene".

E' l'ultimo passo di una carriera straordinariamente sfaccettata, che non ha escluso una tournée di successo in Cina.

"C'è stata anche quella. E prima Tenco. Dicono che sono scomparso. Non è così: ci sono sempre stato, ho sempre cantato e continuo a farlo. Sono meno visibile di altri, perché in Italia c'è una dittatura delle radio".

Ha avuto anche esperienze cinematografiche.

"Nel 2007 ho recitato in un film, Zoe. E' ambientato durante la seconda guerra mondiale, in Piemonte. Giuseppe Varlotta è il regista. Un film che ha ottenuto riconoscimenti e che però in Italia fatica a trovare canali di distribuzione. Ho fatto anche un corto, tra l'altro da queste parti, sulla Consuma: si chiama Nero Fuori".

E poi c'è il libro: "Nudo".

"Aletti editore. Lo scrissi che avevo 33 anni, nel '93. Ne è stata fatta una nuova edizione".

Non è questo il mondo della musica che le piace?

"Si scrivono canzoni per fare concerti. Un cantante può incassare soltanto da lì. Le vendite degli album sono crollate".

Però ogni estate c'è sempre qualcuno che tira fuori Sotto questo sole, la hit cantata assieme a Paolo Belli.

"E pensare che l'avevo scritta per divertimento, senza pretese".

@MattiaCialini

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Il decreto Milleproproghe slitta di due anni. Il Comune costretto ad accendere mutui per il piano triennale delle opere pubbliche

  • Attualità

    Ecco il progetto per una pista da pump track in via Lebole

  • Attualità

    "Non risparmiate sui nostri bambini". Genitori sul piede di guerra contro il centro unico di cottura per le scuole

  • Cronaca

    Caso Martina Rossi, stop a 23 testimoni. Ora è corsa verso la sentenza

I più letti della settimana

  • In sosta col disco orario "a motore", multa salata per automobilista di Foiano

  • Polmonite, 100 casi gravi all'ospedale di Arezzo nel 2018. I sintomi da non sottovalutare

  • Furgone fuori strada sulla 71 a Ceciliano: ferito 55enne. Traffico bloccato

  • Domenica aretina per Antonio Conte. L'ex ct a messa da don Alvaro

  • Scontro tra due bus con 50 feriti. La maxi esercitazione

  • "Spaccio quotidiano e siringhe a terra. Porto mia figlia a scuola facendomi largo tra i pusher"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento