Federigo Bobini, "Sopracchiamato Gnicche". Una storia aretina ricostruita da Enzo Gradassi

I verbali delle forze dell'ordine, ma anche le testimonianze dei magistrati e poi la contaminazione della credenza popolare, fino ad arrivare alla creazione di quel mito del ladro gentiluomo che tutti chiamano ancora oggi Gnicche. Ma chi era...

gnicche-3
I verbali delle forze dell'ordine, ma anche le testimonianze dei magistrati e poi la contaminazione della credenza popolare, fino ad arrivare alla creazione di quel mito del ladro gentiluomo che tutti chiamano ancora oggi Gnicche.

Ma chi era davvero Federigo Bobini e quanto della storia tramandata sino ad oggi attraverso racconti in ottava rima è davvero corrispondente alla realtà dei fatti?

La risposta è contenuta nel libro "Sopracchiamato Gnicche" scritto da Enzo Gradassi e in uscita in tutte le librerie dall'8 dicembre.

Non un romanzo ma una vera e propria ricostruzione storica, basata su documenti e atti ufficiali, elaborata dall'autore che ha seguito passo dopo passo le vicende di questo uomo che nella sua vita si è reso protagonista di più di un misfatto diventando a pieno uno dei personaggi più noti del folklore e aretino.



Il libro contiene molte curiosità e documenti inediti ed affronta le ragioni dell’origine e della persistenza del mito di “Gnicche” nella tradizione popolare aretina, per restituirlo in una dimensione reale, a partire dal suo albero genealogico e dai suoi primissimi reati. Niente di ciò che di fantasioso è stato tramandato per quasi 150 anni e, dunque, niente di ciò che si può trovare in rete digitando il suo nome in un motore di ricerca.

L’epilogo della sua vita è raccontato in tutte le versioni che vennero fornite dopo la sua morte e di come vennero individuati e catturati i suoi occasionali compagni per porre fine ad una stagione di criminalità diffusa.


L’appuntamento per la presentazione del volume è al Circolo Artistico di Arezzo, Corso Italia 108, Giovedì 7 dicembre alle ore 17. Con l’autore interverranno Massimo Baioni dell’Università di Siena e Guido Albucci, direttore di Radio Italia 5.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento