Valli Zabban, lavori completati prima del previsto. Ora le valutazioni dell'Arpat

L'annosa questione dei cattivi odori provenienti dall'azienda che si occupa di bitumi dovrebbe essere risolta con i lavori già portati a termine secondo le prescrizioni

La sede della Valli Zabban in via Fiorentina

I lavori alla Valli Zabban di via Fiorentina sono terminati prima del previsto. A comunicarlo è l'Arpat di Arezzo ripercorrendo tutta la vicenda che riguarda le prescrizioni che sono state emesse nei confronti dell'azienda che si occupa di bitumi, riciclo di pneumatici fuori uso e membrane impermiabilizzanti. 

Al centro dell'attenzione, in seguito a numerose segnalazioni trasmesse ad Arpat da parte dei cittadini, i cattivi odori e i fumi anomali che via via provenivano dalla Valli Zabban situata proprio in una zona densamente abitativa.

La vicenda ripercorsa da Arpat 

Nel tempo, il dipartimento ARPAT di Arezzo ha effettuato numerosi accertamenti, anche in collaborazione con altri organi di polizia. Gli esiti di tali accertamenti sono stati trasmessi alla Regione Toscana con le relative proposte di prescrizioni ritenute necessarie a contenere gli impatti di tale attività in una zona divenuta ad alta densità abitativa, informandone, al contempo, anche ASL e Comune per l’espressione di eventuali valutazioni di loro competenza.

L'atto di diffida

Sulla base di tali proposte, la Regione ha predisposto un atto di diffida nei confronti della ditta, imponendole di ottemperare alle prescrizioni contenute nella Autorizzazione Unica Ambientale (AUA), di cui la ditta è in possesso, ed a porre in essere, nella gestione dello stabilimento, tutte le necessarie azioni per contenere gli impatti legati alle  emissioni odorigene generate dal ciclo produttivo. Inoltre, con lo stesso atto, la Regione Toscana ha provveduto a prescrivere l’aggiornamento dell’Autorizzazione Unica Ambientale per l’adozione delle migliori tecniche disponibili per permettere il superamento delle criticità impiantistiche e gestionali.

Nel marzo del 2018 è stata avviata la Conferenza di Servizi per le determinazioni e le valutazioni della modifica sostanziale dell’AUA concessa alla ditta al fine di adottare quanto prima le azioni di miglioramento per limitare il disagio percepito dalla popolazione residente nelle vicinanze. Conclusa la Conferenza dei servizi, nel luglio del 2018, la Regione Toscana, con Delibera n.14291 del 14.09.2018, ha approvato il progetto presentato dalla ditta, volto a migliorare la situazione attuale con particolare riferimento alle emissioni odorigene, stabilendo, tra l’altro, degli step di attuazione e un tempo finale massimo entro cui tutti gli interventi contenuti nel progetto devono essere conclusi, nello specifico: primo step entro il 15/01/2019 e il secondo step entro il 15/05/2019.

I lavori e le prossime valutazioni

Di recente, la Valli Zabban ha comunicato di avere terminato i lavori, in anticipo rispetto alla data stabilita dalla delibera regionale. Al momento, quindi, dovrà essere verificato se i lavori sono stati realizzati in ottemperanza alle disposizioni regionali e soprattutto dovrà essere valutata l’efficacia delle azioni adottate, pertanto la ditta sarà oggetto di ulteriore attenzione ed approfondimenti da parte del Dipartimento di Arezzo.

Potrebbe interessarti

  • Acqua e detersivo non bastano, come pulire la lavastoviglie

  • Formiche, i rimedi naturali e non per allontanarle

  • Zanzare, il Comune di Arezzo disinfesta: le precauzioni

  • Punti nascita: la neonatologia di Arezzo al top

I più letti della settimana

  • Trovato morto in un dirupo senza vestiti

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Si ribaltano con l'auto: incidente lungo le strade dell'Aretino. Giovane incastrata tra le lamiere

  • Giostra, Porta del Foro torna a ruggire: dopo 12 anni porta a casa la lancia

  • È Giostra, alle 21,15 la decisione. Sopralluogo del quartieri sulla lizza - LIVE

  • Cene propiziatorie, la grande festa. Zuffa a Sant'Andrea. Guerra agli alcolici: locali sanzionati - LE FOTO

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento