Sicurezza anti sismica, ecco il bando "Io vivo sicuro in Valtiberina": artigiani aretini in campo per la prevenzione

E’ ancora acceso l’allarme emotivo rispetto alle scosse di terremoto dello scorso agosto. Ed in tutti vi è la voglia di avere il massimo di sicurezza possibile rispetto a questi eventi: “E a lavorare per la nostra sicurezza, partendo da una delle...

ferrer_vannetti-2

E’ ancora acceso l’allarme emotivo rispetto alle scosse di terremoto dello scorso agosto. Ed in tutti vi è la voglia di avere il massimo di sicurezza possibile rispetto a questi eventi: “E a lavorare per la nostra sicurezza, partendo da una delle vallate aretine potenzialmente più esposte a questo tipo di problematiche, saranno ancora una volta gli artigiani, con lo scopo di migliorare in primo luogo la qualità ed il grado di sicurezza sismica degli edifici di privati, sia di civile abitazione che sede di attività economiche e di aziende”.

Sono parole di Ferrer Vannetti, presidente di Confartigianato Arezzo che, prendendo spunto dalla proposta del bando “Io Vivo Sicuro in Valtiberina”, richiama il ruolo centrale dell’artigiano in situazioni come queste: “L’artigiano – spiega lo stesso Vannetti - è una persona che lavora fortemente ancorato ai problemi della gente, della vita di tutti i giorni, ha famiglia e tiene al benessere comune, per cui spesso si trova a riempire vuoti: le imprese non possono aspettare. Noi ci occupiamo, e lo facciamo con grande orgoglio, delle persone, delle imprese, di evitare per quanto possibile futuri danni a cose e alle attività produttive”.

“I nostri artigiani - conclude il rappresentante degli artigiani aretini - sono quella parte utile della società che non vuole voli pindarici, ma che vive della concretezza del lavoro e su questo fonda il proprio agire quotidiano, in questo caso rivolto al bene comune attraverso la messa nella massima sicurezza possibile degli edifici della Valtiberina”.

Quindi gli artigiani aretini partiranno nel lavoro della prevenzione, partecipando a questo bando, che si chiama appunto “Io Vivo Sicuro in Valtiberina”, e che ha lo scopo di dare il via ad agevolazioni per richieste che includeranno interventi di miglioramento sismico. Saranno ammesse anche opere che ricadono nelle categorie di manutenzione straordinaria, restauro e ristrutturazione a vari livelli compreso le opere di miglioramento energetico, purché contengano comunque interventi di miglioramento sismico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto riguarda, come accennato, la Valtiberina Toscana, ed è rivolto ai Comuni di Sansepolcro, Anghiari, Monterchi, Pieve Santo Stefano, Badia Tedalda, Sestino, Caprese Michelangelo. Le istituzioni locali si impegnano, per le rispettive competenze e ognuno per le proprie possibilità, a supportare tale bando con azioni congiunte di semplificazione procedurale delle pratiche di agevolazione tributaria in merito ai permessi necessari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Ambulante scopre e tenta di fermare un ladro: aggredito a pugni in faccia. Malvivente arrestato

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento