Reddito di cittadinanza, clochard aretini esclusi se non hanno la residenza. I criteri di ammissione

Puntata numero 1 dedicata a questo grande tema che riguarderà una platea importante di abitanti ad Arezzo.

Cominciano anche ad Arezzo le grandi manovre intorno al reddito di cittadinanza. E’ stata annunciata come una misura per sconfiggere la povertà, come del resto, con modalità più o meno diverse esiste in molti paesi europei, ma nel mettere i paletti per accedere al reddito di cittadinanza sono praticamente rimasti fuori i più poveri, gli ultimi della società, che siano essi stranieri o italiani: i senza fissa dimora. Questo almeno nelle città, dove non c’è un registro con indirizzi fittizi dove iscriversi. Ad Arezzo è possibile chiedere la residenza alla cosiddetta "casa comunale", passando dallo Sportello Unico. Attualmente ci sono una trentina di persone registrate, quasi tutte italiane che di solito arrivano lì tramite gli assistenti sociali, ma probabilmente i senza tetto nemmeno conoscono questo strumento.

E questo significa quindi che se i senzatetto aretini, che come dato di fatto non hanno una dimora e una residenza vera, non sono iscritti da più di dieci anni in Italia, non potranno accedere al reddito di cittadinanza. 

Il decreto che lo istituisce è stato pubblicato ieri mattina nella Gazzetta Ufficiale e così iniziano a dipanarsi i meccanismi che dovranno essere messi in piedi per ricevere le domande, per seguire i cittadini ammessi, per predisporre gli addetti, i cosiddetti navigator da una parte, oltre che il rafforzamento del personale dei centri per l’impiego. Le richieste di informazioni sono cominciate da tempo, anche all'Unico del Comune di Arezzo, che in realtà entrerà in campo soltanto dopo Inps e Centri per l'Impiego nel caso in cui chi ne ha diritto non sia nella condizione di poter lavorare.

La prima stima della platea degli aretini interessati: 1 famiglia su 13

I criteri:

Per avere diritto al reddito di cittadinanza è necessario essere cittadini italiani, europei o lungo soggiornanti e risiedere in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in via continuativa.

Poi ci sono una serie di requisiti di reddito e patrimoniali che si riferiscono al nucleo familiare del richiedente che deve avere una dichiarazione ISEE inferiore a 9.360 euro annui;

Un valore del patrimonio immobiliare ai fine isee, diverso dalla casa di abitazione non superiore ai 30 mila euro. Un valore del patrimonio mobiliare ai fini isee, non superiore a 6.000 euro, accresciuti di 2.000 per ogni componente il nucleo familiare  successivo  al  primo, fino ad un massimo di euro 10.000,  incrementato  di  ulteriori  euro 1.000 per ogni figlio successivo al  secondo;  i  predetti  massimali sono ulteriormente incrementati di euro 5.000 per ogni componente con disabilità presente nel nucleo;

Un valore del reddito familiare inferiore ad una  soglia  di euro 6.000 annui moltiplicata per il corrispondente  parametro  della scala di equivalenza. La  predetta  soglia  e’ incrementata ad euro 7.560 ai  fini  dell'accesso  alla  Pensione  di cittadinanza. In ogni caso la soglia e' incrementata  ad  euro  9.360 nei casi  in  cui  il  nucleo  familiare  risieda  in  abitazione  in locazione.

I requisiti relativi ai beni durevoli:

Nessun  componente  il   nucleo   familiare   deve   essere intestatario o avente  piena  disponibilità  di autoveicoli immatricolati la prima volta nei sei mesi antecedenti  la richiesta, ovvero di autoveicoli di cilindrata superiore a 1.600 cc o motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc, immatricolati la  prima volta  nei  due  anni  antecedenti,  esclusi  quelli per cui è prevista una agevolazione  fiscale  in  favore delle persone con disabilità.

Nessun  componente  deve  essere  intestatario o avente piena disponibilità di navi e imbarcazioni da diporto.

Non hanno diritto al Rdc i nuclei  familiari  che  hanno  tra  i componenti soggetti disoccupati a seguito  di  dimissioni  volontarie nei dodici mesi successivi alla data delle dimissioni, fatte salve le dimissioni per giusta causa.

Altre informazioni utili:

Il reddito di cittadinanza dura 18 mesi e contiene anche la cosiddetta norma anti-divano cioè tutti coloro che sono in grado di lavorare dovranno attivarsi stipulando il patto per il lavoro e il patto per la formazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incastrato per ore tra le lamiere del proprio tir: 49enne in codice rosso

  • Economia

    Spike Lee attacca Prada: "Assuma stilisti neri". E l'azienda crea il "Consiglio per la diversità aziendale"

  • Calcio

    Arezzo, doveva essere il giorno del cda. Appuntamento rinviato

  • Attualità

    Sanità verso lo stato di agitazione, i sindacati: "Basta annunci, manca il personale"

I più letti della settimana

  • "Ridge" di Beautiful si rilassa in provincia di Arezzo, ospite di Paolo Rossi

  • Calcio, tutte le classifiche dei campionati dalla serie C alla Seconda categoria

  • Travolto da un'auto finisce in un burrone. Morto ciclista 58enne di Laterina

  • Bimbo di tre anni dimenticato per sei ore dentro lo scuolabus. Lo ritrovano i carabinieri

  • Da poco in pensione dopo una vita di lavoro. Laterina in lutto per la morte di Brizi

  • Trasporta 24mila litri di gasolio di contrabbando: 31enne arrestato. Decurtati 40 punti dalla patente

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento