Le nocciole della Nutella coltivate in provincia di Arezzo

Polemica sulla provenienza delle materie prime usate da Ferrero per la sua crema spalmabile. Il leader della Lega: "Vengono dalla Turchia, basta Nutella". Ferrero usa molte nocciole italiane (presto anche aretine), ma la produzione nazionale non basta per soddisfare le esigenze dell'azienda

Il leader della Lega Matteo Salvini ha attaccato la Ferrero, in particolare la celebre crema spalmabile Nutella, che un tempo apprezzava, per il fatto che userebbe nocciole dalla Turchia.

«La Nutella? - ha detto in un comizio - Ma lo sa signora che ho cambiato? Perché ho scoperto che per la Nutella usa nocciole turche, e io preferisco aiutare le aziende che usano prodotti italiani, preferisco mangiare italiano, aiutare gli agricoltori italiani».

Da dove vengono le nocciole Ferrero?

La Ferrero usa per buona parte nocciole italiane. Peraltro, ci sono altri due distinti progetti in partenza per la coltivazione di nocciole destinate alla Ferrero anche in provincia di Arezzo, in Valdichiana e in Valdarno.

Puntualizza però il Corriere.it:

"Ferrero è il più grande utilizzatore di nocciole italiane, e in particolare piemontesi, in Italia. La quantità di nocciole prodotte in Italia non può però soddisfare il fabbisogno per la produzione di Nutella nel mondo. Secondo una inchiesta della Bbc, «all'incirca i tre quarti delle nocciole mondiali arrivano dalla Turchia, e il più grande acquirente al mondo è Ferrero".

I progetti aretini

Si era già parlato del progetto per le nocciole in Valdichiana. Altrove (in Casentino ad esempio) la coltivazione è già partita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le nocciole della Nutella coltivate a Cesa

Ma il progetto Nocciola Italia arriva anche a Laterina Pergine. E' stato illustrato nei giorni scorsi dalla Ferrero per riconvertire e valorizzare ampie superfici del territorio proprio per la coltivazione di nocciole in Valdambra. L'obiettivo auspicato dal Piano Nocciola Italia è quello di avere, entro il 2025, 20mila ettari di nuove piantagioni di noccioleto (+30% circa dell'attuale superficie).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Coronavirus: 16 nuovi contagi nell'Aretino: 5 dimissioni e due decessi. Il report giornaliero

  • Infermiere positivo al Covid: boom di casi in Valdarno. Un infetto anche nella rsa di Bucine

  • Covid-19: sette nuovi casi nell'Aretino di cui tre in città. Il bollettino della Asl

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento