Oro Arezzo tra Fiera e trattative con Ieg, Cagnoni: "Se azionisti aretini vogliono ci sono le condizioni giuste"

La preoccupazione è che dopo un’eventuale acquisizione, Oro Arezzo venga spostata dalla sua città.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

L'economia, il business, l’incontro fondamentale tra i produttori della gioielleria made in Arezzo e del made in Italy in generale, con i buyer. Su Oro Arezzo si riversano sempre tante aspettative, così anche in questa edizione che sancisce il 40esimo compleanno della fiera orafa aretina. Ci sono 40 colonne di altezze diverse ad accogliere i visitatori all’ingresso dei padiglioni, l’ultima idea di Beppe Angiolini, l’art director.

Ma tutto questo non distoglie la città dal tema cardine, la cessione completa delle fiere orafe a Ieg. La presenza contemporanea in città di tutti i protagonisti, di tutit i soci pubblici, dalla Regione in giù e della dirigenza di Italian Exibition Group è l’occasione per sedersi intorno ad un unico tavolo.

Tra loro i nuovi vertici di Arezzo Fiere come l’amministratore unico Sandra Bianchi e colui che ha ricevuto il compito di riavviare le trattative con Ieg per Oro Arezzo e Gold Italy come Luca Benvenuti. La preoccupazione è che dopo un’eventuale acquisizione, Oro Arezzo venga spostata dalla sua città.

Nel video in particolare le dichiarazioni del presidente della Regione Toscana Enrico Rossi e del presidente di Ieg Lorenzo Cagnoni.

Potrebbe Interessarti

  • Schianto in zona Eden: 34enne di Arezzo portato a Siena in elicottero

  • Un tonno trasportato per le vie del centro e scaricato in ascensore: il video shock. Scattano i controlli della Asl, chiuso locale

  • Arezzo s'inchina davanti alla Chimera: "La vittoria è per Giancarlo e per chi non ci aveva mai visto trionfare"

  • Disturbi e invasioni. La Colombina fa ammenda, Geppetti: "Intollerabile, mi sono scusato con Porta del Foro"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento