Nicastro davanti alla Commissione banche: l’ex presidente delle good bank ascoltato dai parlamentari

Soltanto cinque giorni fa, nella stessa stanza, è stato ascoltato il procuratore capo presso la Procura della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi. Il magistrato ha ricostruito, con dovizia di particolari in ben 5 ore di audizione, tutti i passaggi che hanno segnato la storia giudiziaria della ex Banca Etruria.

Claudia Failli
Claudia Failli
Invia per email  |  Stampa  |   5 dicembre 2017 7:00  |  Pubblicato in Economia, Arezzo

Articoli correlati



E’ il giorno di Roberto Nicastro.
Il bancario, alla guida delle quattro good bank dal 22 novembre 2015 al 10 maggio 2017 sarà audito in merito alle vicende che hanno riguardato la storia recente degli istituti di credito nati dalla risoluzione delle vecchie Banca Etruria, Banca Marche, Carichieri e Carife.

E’ stato lui a guidare tutte e quattro queste nuove realtà fino al processo di cessione e, sempre lui, insieme agli amministratori delegati incaricati per ogni banca, ha dovuto fronteggiare il primo anno dopo il ‘terremoto’ salva-banche.

Questa mattina a parte dalle 10,30 Roberto Nicastro sarà ascoltato dalla Commissione parlamentare di inchiesta banche presieduta dal Pier Ferdinando Casini.
All’ex presidente sarà dunque chiesto di fare il punto circa le attività che hanno contraddistinto i 18 mesi del suo mandato e anche le procedure che si sono sviluppate e che da ultimo sono culminate nella cessione degli istituti di credito.

Soltanto cinque giorni fa, nella stessa stanza, è stato ascoltato il procuratore capo presso la Procura della Repubblica di Arezzo, Roberto Rossi. Il magistrato ha ricostruito, con dovizia di particolari in ben 5 ore di audizione, tutti i passaggi che hanno segnato la storia giudiziaria della ex Banca Etruria.

 

 Claudia Failli 
Claudia FailliValdarnese di nascita e aretina di adozione. Cittadina del mondo grazie al web (cit.). Appassionata di fotografia, video e social network. Il mondo lo guardo da un oblò ma non mi annoio nemmeno un po'.
Altre dall'autore »
blog comments powered by Disqus