Lo studio che rivoluziona la Toscana dei campanili: Valtiberina unita, Civitella e Monte insieme. Nascono Tre Colli e Pratomagno

Un articolato studio di Cna Toscana svela quante e quali agevolazioni potrebbero avere i cittadini del territorio regionale ipotizzando alcune fusioni dei Comuni. Si fonda su un assunto: entro la fine del 2016 i municipi con popolazione inferiore...

fusione-comuni1

Un articolato studio di Cna Toscana svela quante e quali agevolazioni potrebbero avere i cittadini del territorio regionale ipotizzando alcune fusioni dei Comuni. Si fonda su un assunto: entro la fine del 2016 i municipi con popolazione inferiore a 5.000 abitanti (3.000 nelle zone montane) dovranno gestire in forma associata le 11 funzioni fondamentali. Che, tradotto, significa: dover rinunciare alla propria autonomia. L'articolata analisi prende in considerazione anche gli attuali 37 comuni aretini, formulando proposte di accorpamento o di unioni comunali e facendo due conti sui possibili risparmi della macchina pubblica.

comuni-fusioni

Il report si chiama “Fusione di Comuni: le prospettive per la Toscana” e il valore complessivo degli incentivi per la fusione ammonterebbe a 37,9 milioni di euro. E addirittura, si legge nella nota Cna,

considerando anche i risparmi nella gestione dei servizi ottenibili nel medio-lungo periodo, il beneficio salirebbe fino a 58,7 milioni di euro: in altri termini, grazie alla fusione, ciascuna aggregazione comunale della Toscana disporrebbe mediamente di 1,8 milioni di euro, che equivalgono a 587.000 euro per Comune e a 139 euro per abitante.

Il quadro toscano tratteggiato da Cna

Il 45% dei Comuni toscani ha una popolazione inferiore a 5.000 abitanti, occupa il 40% della superficie regionale, vi vive l’8% della popolazione, vi opera il 9% delle imprese (32.000) e il 6% degli addetti (poco meno di 66.400).

La spesa corrente dei Comuni toscani (€ 1.072 pro capite) è superiore alla media nazionale (€ 944). Anche in Toscana i piccoli Comuni “costano” di più (€ 1.190).

Tra il 2010 e il 2015 i Comuni toscani hanno perso 565 milioni di euro di trasferimenti statali (- € 151 pro capite), una contrazione del 58% rispetto al 2010 (Italia -52%).

Cna ha disegnato 33 ipotetiche aggregazioni territoriali, dando priorità ai Comuni obbligati alla gestione associata e cercando una dimensione demografica significativa (almeno 10.000 abitanti). Le 33 aggregazioni possono essere suddivise in quattro gruppi. In evidenza quelle che riguardano l'Aretino.

Aggregazioni di tipo A – quelle in cui, grazie alla gestione associata dei servizi comunali e all’aumento di efficienza, la spesa corrente potrebbe ridursi del 16%. Nessuna è in provincia di Arezzo.

Aggregazioni di tipo B – cioè quelle in cui l’attuale livello di spesa è già inferiore al valore medio: 8 aggregazioni, che comprendono 24 Comuni e 133.000 abitanti. Se questi Comuni decidessero di optare per la fusione, potrebbero beneficiare di incentivi statali pari a € 9,7 milioni all’anno per 10 anni. Sono ipotizzate due fusioni nell'Aretino: 1. Civitella e Monte Savino, 2. Foiano, Marciano e Lucignano.

(clic sulle immagini per ingrandire)

fusione-comuni2

Nuovi Comuni – i Comuni che hanno da poco approvato la fusione o hanno appena affrontato il referendum: 4 aggregazioni che coinvolgono 8 Comuni e 22.000 abitanti. Con la fusione arriverebbero 2,1 milioni di incentivi statali per 10 anni. Un solo caso ad Arezzo, peraltro fallito, quello tra Capolona e Castiglion Fibocchi.

fusioni-comuni5

Unioni piccole – è stato ipotizzato un processo di fusione solo per le Unioni fino a 20.000 abitanti: 11 Unioni di 43 Comuni e 147.000 abitanti. Gli incentivi sono stimati in 15 milioni. Tre i casi ad Arezzo: Casentino (Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Poppi, Talla), Pratomagno (Castelfranco Piandiscò, Loro Ciuffenna), Tre Colli (Laterina e Pergine Valdarno)

fusioni-comuni3

Unioni grandi - fusioni oltre 20mila abitanti. Cna non ha calcolato i possibili benefici perché appare poco praticabile la strada. Una grande fusione nell'Aretino, quella della Valtiberina (Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Sansepolcro, Sestino).

fusioni-comuni4

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

@MattiaCialini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calcio in lutto, si è spento Giuseppe Rizza

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Coronavirus: 2 decessi, 1 nuovo caso, 3 guarigioni. Il quadro toscano

  • Coronavirus, in Toscana 19 nuovi contagi in un giorno: 11 appartengono ad un unico cluster

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento