Caffè Pasticceria Stefano, la scommessa di uno staff giovane nel segno della tradizione

Maicol e il suo staff hanno scommesso su uno dei locali più noti del centro storico affidandosi a prodotti di prima qualità e a ricette storiche come l’imperdibile torta Fedora

La celebre torta Fedora

Ecco, ci siamo noi dietro il nome del Bar Pasticceria Stefano, dello storicoGli Svizzeri’”. Maicol Cerofolini presenta così la sua squadra, ragazzi e ragazze giovanissimi, che da circa un anno hanno permesso ad uno dei locali storici di Arezzo di poter riaprire i battenti.

C’è stato un po’ di mistero attorno alla nostra apertura - ricorda Maicol - pensa, una mattina mentre mi trovavo in un bar sentivo il titolare parlare con un cliente proprio di questo locale. Nessuna sapeva chi avrebbe aperto di lì a poco, venivano fatte ipotesi, previsioni. Questo basta a capire quanto sia storico questo posto”.

D’altronde è impossibile non notarlo, non esserci passati davanti almeno una volta nella vita a quelle vetrine che dal 1857 hanno visto crescere Arezzo dall’angolo tra via Cavour e Corso Italia. Quella di Maicol è stata la scommessa di un giovane che ha deciso di diventare imprenditore di se stesso, ma soprattutto una sfida prendendo un locale storico e che negli ultimi decenni ha cambiato più volte gestione.

Ho pensato che fosse il momento giusto per noi e intendo i giovani di Arezzo - sottolinea Maicol - il mio staff, sette persone in totale, sono tutti ragazzi e ragazze giovanissimi. La mattina alle 4 siamo già al lavoro e andiamo avanti fino a sera. Di certo non si può dire che siamo bamboccioni”.

La scommessa di Maicol è partita affidandosi in primis alla pasticceria grazie anche ad un ricettario storico che spicca nelle vie più celebri della Fiera dell’Antiquariato.

In passato avevo avuto esperienze come dipendente in bar e caffetterie - confessa Maicol - da qui potete capire anche l’emozione quando abbiamo trovato questo ricettario storico che ha accompagnato da sempre il locale. Abbiamo preso alcuni spunti per affiancare la pasticceria attuale”.

E tra questi dolci spicca la torta Fedora, dolce tipico della tradizione fiorentina come insegna la storia.

Scaglie di cioccolato, panna fresca e poi ingredienti di prima qualità che non sveliamo solo perché vi aspettiamo qui da noi per assaggiarla. Ne resterete estasiati - prosegue Maicol - magari in pochi l’acquisterebbero intera e così abbiamo scelto, per questa calda estate, di realizzare mono porzioni. E non dimentichiamoci poi dei bomboloni per i quali siamo conosciuti in tutta Arezzo e non solo".

Ma oltre alla scommessa c’è anche una sfida che il Caffè Pasticceria Stefano, sotto la gestione di Maicol, lancia soprattutto nei giorni della Giostra del Saracino.

Pensiamo possa essere l’occasione giusta per far conoscere i nostri aperitivi. Siamo apprezzati come bar, pasticceria, caffetteria, catering e adesso vorremo far conoscere agli aretini i nostri apertivi: scegliamo materie prime e piatti della tradizione da abbinare a cocktail tradizionali ma anche ricercati. Magari anche in tinta con i colori della Giostra”.

Potrebbe interessarti

  • Carta d'identità elettronica obbligatoria: ecco come ottenerla

  • I 5 errori da evitare quando si arreda casa

  • Come allontanare gli scarafaggi

  • Cos'è la “La Via del Sole”: spettacolare camminata tra Anghiari e Sansepolcro

I più letti della settimana

  • Moto "ibrida e fantasma" correva sui tornanti dello Spino: sequestrata. Forestali: "Mai viste tante modifiche"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Si tuffano per fare snorkeling: un 17enne e una 16enne rischiano di annegare per un attacco di panico

  • Ennesimo incidente. Scontro furgone moto, grave il giovane centauro

  • Auto ribaltata, feriti due ragazzi di venti anni. Uno più grave è alle Scotte

  • Scontro auto motorino, 15enne trasferito alle Scotte con Pegaso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento