Giuseppe Salvini lascia Arezzo: è il nuovo segretario generale della Camera di Commercio di Firenze

La nomina, per diventare effettiva, dovrà essere ratificata nei prossimi giorni dal ministero dello Sviluppo economico

Dopo quasi venti anni, Giuseppe Salvini lascia il suo incarico presso la Camera di Commercio di Arezzo e Siena. Ad annunciarlo è un'Ansa battuta direttamente da Firenze e attraverso la quale viene sottolineato come il manager dell'ente camerale sia stato scelto quale nuovo segretario generale della Camera di commercio di Firenze. Lo ha deciso oggi la giunta dell'ente fiorentino presieduta da Leonardo Bassilichi. La nomina, per diventare effettiva, dovrà essere ratificata nelle prossime settimane dal ministero dello Sviluppo economico.

Salvini nato 57 anni fa a Montevarchi, laureato in Scienze politiche all'Università di Firenze, proviene dal mondo delle Camere di commercio ed è il segretario generale della Camera di Arezzo-Siena, di cui è stato commissario ad acta per la fusione, sempre su nomina ministeriale. Sostituisce il segretario generale uscente Laura Benedetto.

Dal 2001 al 2018 ha ricoperto l'incarico di segretario generale. Con l'entrata in vigore della riforma riguardante le Camere di Commercio, ha seguito l'iter tra le realtà di Arezzo e Siena sostenendo il ruolo di commissario ad acta per l'ultimazione della fusione.

Il commento della presidente della Provincia di Arezzo

“Mi congratulo con Giuseppe Salvini per il nuovo incarico di segretario generale presso la Camera di Commercio di Firenze – afferma la presidente della Provincia di Arezzo Silvia Chiassai Martini – che rappresenta il giusto merito per la qualità di un lavoro durato 21 anni ad Arezzo. Siamo anche orgogliosi che un montevarchino abbia ottenuto un riconoscimento così importante nella città capoluogo della nostra regione. Per il territorio è tuttavia una grande perdita anche se lascia, come sappiamo, una struttura associativa ben organizzata, solida, sempre presente in ogni settore, con la quale è un piacere collaborare e condividere tanti obiettivi utili per la provincia. Naturalmente consideriamo il suo trasferimento soltanto come un “arrivederci”, in quanto il suo spessore e la sua competenza professionale continueranno ad essere un punto di riferimento per noi irrinunciabile”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tensione al supermercato: zuffa tra due signore, arrivano i Carabinieri

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Coronavirus, Ghinelli a Firenze: "Proporrò la chiusura delle scuole"

  • Coronavirus, numeri telefonici presi d'assalto. Rossi: "Negli ospedali percorsi dedicati". L'appello ai cittadini

  • Coronavirus, Arezzo fa prevenzione. Dal Ministero: "Isolamento obbligatorio in caso di contatto con infetti"

  • Coronavirus, primi casi in Toscana. Due tamponi positivi a Firenze e Pistoia

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento