Gdpr. Il nuovo regolamento Ue sulla privacy, come cambia la protezione dei dati

Martedì 16 gennaio alle ore 15 presso la sede di Arezzo di Confindustria Toscana Sud un’interessante occasione di approfondimento e di confronto.

Redazione Arezzo Notizie
Redazione Arezzo Notizie
Invia per email  |  Stampa  |   12 gennaio 2018 17:49  |  Pubblicato in Economia, Arezzo


L’inarrestabile progresso tecnologico che stiamo vivendo ci sottopone costantemente a problematiche sempre nuove, come quelle che verranno affrontate durante il seminario in programma per martedì 16 gennaio alle ore 15 presso la Delegazione di Arezzo di Confindustria Toscana Sud, organizzato dalla Sezione Terziario, estremamente attiva nell’organizzazione di eventi di formazione e di approfondimento di questo tipo.

Il GDPR (General Data Protection Regulation) richiede alle aziende che trattano dati personali di adottare idonee misure organizzative, legali ed informatiche volte a proteggere tali dati, per garantire una maggiore tutela della privacy e del trattamento dei dati personali dei cittadini europei. Entro pochi mesi scadrà il periodo di transizione biennale di adeguamento ai requisiti del nuovo GDPR, direttiva UE 2016/680, approvato dal Parlamento e dalla Commissione Europea e già attivo in tutti gli Stati dell’UE dal 27 aprile 2016. 

Tra gli altri, i requisiti richiesti prevedono:

  • la nomina di un Data Protection Officer (DPO), che è responsabile della protezione dei dati personali;
  • l’esecuzione di una valutazione d’impatto (Privacy Impact Assessment – PIA) nei casi ad alto rischio;
  • l’introduzione del concetto di Privacy By Design (prodotti, sistemi e processi devono cioè prevedere la tutela dei dati personali già dalla progettazione);
  • la Privacy By Default (si tratteranno solo i dati personali indispensabili e solo per il periodo strettamente necessario).

Per le aziende che non avranno ottemperato agli obblighi del GDPR, la Legge prevede un rigido sistema sanzionatorio, con ammende che possono arrivare a 20 milioni di euro o al 4% del fatturato globale. Le aziende dovranno predisporre le nuove procedure organizzative ed adeguare i propri sistemi informatici in tempi relativamente stretti, vista la scadenza di maggio prossimo, con un approccio pragmatico volto a minimizzare l’impatto della nuova normativa e, allo stesso tempo, cogliere le opportunità legate al miglioramento del livello di sicurezza dei sistemi aziendali.

Il commento del Presidente della Sezione Terziario di Confindustria Toscana Sud Giuseppe Bistoni: “La trasformazione digitale, sempre più prepotentemente, sta diventando tema strategico dello sviluppo e competitività delle imprese. In questa occasione affronteremo il tema normativo legato alle nuove disposizioni in materia di protezione dei dati che, per effetto della digitalizzazione, richiedono sempre un maggiore controllo e risorse e responsabilità dedicati. Saremo supportati dalle strutture nazionali dell’Associazione e da un network di specialisti legali e informatici.”

Interverranno la D.ssa Luigia Grasso dell’Area Affari Legislativi di Confindustria e l’Avv. Lorenzo Colzi della Colin & Partners”.

L’evento è aperto a tutti gli interessati previa registrazione al link.

blog comments powered by Disqus