Notti eroiche in collina: vignaioli aretini accendono fuochi per salvare le viti dal gelo

Una settimana durissima per l'agricoltura, in Casentino quattro produttori si sono coalizzati accendendo falò tra i filari e maxi candele

La primavera 2019 non è mai davvero decollata. Ma la scorsa settimana è stata davvero proibitiva per le coltivazioni della provincia. Temperature rigide, grandinate improvvise, gelate fuori stagione. A risentirne sono stati sia i frutteti che le piante di ortaggi. Molti agricoltori si sono difesi con reti anti grandine e sistemi contro la brina. Ma l'ondata artica - come testimoniato da Coldiretti - non è stata arginata in tutti i casi e l'associazione di categoria continua a far la conta dei danni.

Un caso davvero perticolare di efficiente contrasto al freddo, però, si è registrato in Casentino, dove quattro aziende vitivinicole si sono coalizzate per fronte contro il ghiaccio di una settimana fa. Sfruttando una tecnica consolidata al Nord e in generale nei vigneti di montagna: quella dei fuochi tra i filari. A distanza di qualche giorno, Marco Biagioli proprietario della cantina Ornina, tira un sospiro di sollievo: "Il pericolo immediato è scampato: i germogli sono salvi, anche se le piante restano stressate".  

Agricoltura ferita dall'ondata artica su frutta e ortaggi

Il racconto della notte dei fuochi

Abbiamo proceduto insieme - racconta Marco - noi, assieme a Federico Staderini del Podere Santa Felicita, Vincenzo Tommasi di Podere della Civettaja e all'agriturismo Antico Fio di Poppi. Abbiamo acquistato numerose maxi candele, facendo venire un carico dal Nord Italia. Un costo considerevole e non preventivato. Per coprire mezzo ettaro in collina sono occorse oltre mille euro di candele. C'è poi stato l'impegno in vigna: oltre alle candele abbiamo usato falò con i tralci delle viti che avevamo tenuto al riparo dall'acqua e presse di paglia. Con la mia ragazza, Greta, abbiamo fatto un lavoro enorme, restando con l'ansia: non sapevamo se questi accorgimenti sarebbero bastati per salvare le piante.

Ma a distanza di qualche giorno, è possibile dire che i danni diretti sono stati scongiurati dalle parti di Ornina (frazione del comune di Castel Focognano che dà il nome alla giovane e dinamica cantina di Marco Biagioli e Greta Tizzanini), quelli indiretti si potranno valutare soltanto in seguito. Un grande sforzo, portato avanti, come detto, anche da due pionieri del vino casentinesi: Federico Staderini (enologo di grande fama, che ha scelto il Casentino per produrre direttamente) e Vincenzo Tommasi, artefici - nel comune di Poppi - dei celebrati pinot noir Cuna e Podere della Civettaja. L'eroica "notte dei fuochi" è stata infine condivisa anche dall'Antico Fio, realtà specializzata nella produzione di syrah.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Foto tratta da facebook

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Terribile schianto in A1: quattro vittime tra cui due bimbi

  • Boscaiolo 47enne muore schiacciato da un albero. E' un incidente sul lavoro

  • L'impatto contro un albero, poi l'intervento d'urgenza: muore giovane padre

  • Genitori e figli morti nello schianto, Emil in carcere ad Arezzo. "E' sconvolto"

  • Mascherine gratis nelle edicole. Ecco dove trovarle

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento